Liberi e Uguali sulla fermata dell’Alta Velocità a Chiusi. Comunicato stampa

(comunicato stampa). La positiva notizia della intesa tra la Regione Toscana e Trenitalia per la conferma di quanto già da tempo definito di una nuova fermata del Freccia Rossa presso la Stazione di Chiusi, apre finalmente quelle prospettive di collaborazione interregionale tra la Toscana e l’Umbria, che possono vedere di nuovo importanti i territori del Trasimeno-Pievese-Alto Orvietano integrati nella Regione Umbria e con la città di Perugia , non più come aree marginali.

Questa nuova fermata di coppie di treni Alta Velocità che si aggiunge a quella recentemente inaugurata a Perugia con il collegamento per Milano, deve essere motore di una svolta nei collegamenti più ampi tra l’intera Umbria e le città di Roma-Firenze-Milano.

Liberi Uguali ha ampiamente discusso di queste prospettive nelle settimane passate, in incontri molto partecipati con il Presidente della Toscana Enrico Rossi, con 2 importanti iniziative in tal senso a Castiglione del Lago ed Assisi.

La posizione del Presidente Rossi e di Liberi Uguali è nota da tempo: occorre andare velocemente a intese stringenti e vere e proprie programmazioni comuni tra le Regioni Umbria e Toscana ,su temi specifici sempre piu’ ampi: trasporti, sanita’, politiche ambientali, etc.

Non mancheranno pertanto a breve nuove iniziative tra le 2 Regioni, promosse da Liberi Uguali che potranno svolgersi a partire da questi territori.

 

Attilio Solinas ,Consigliere Regionale Liberi Uguali -MDP.Regione Umbria

Simona Fabbrizzi ,Liberi Uguali – Segretaria Sinistra Italiana Perugia

Liberi Uguali Coordinamento Trasimeno

 

Riguardo a Gianni Fanfano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Città della Pieve. Il Sindaco Scricciolo “Una città offesa” Un articolo di Fausto Scricciolo all'indomani della sentenza del Consiglio di Stato sul giornale on line del Comune.

La Pieve, offesa e furiosa, la vicenda? La solita,  “ospedale”. Motivazioni e  ragioni più di una. La ...