Le Biffe. Impianto Acea. Parte l’inchiesta pubblica promossa dalla Regione Toscana. Tutto su come partecipare.

Con l’insediamento della Commissione prevista, parte martedì 12 novembre l’inchiesta pubblica promossa dalla Regione Toscana sul progetto presentato da Acea per un “impianto di recupero fanghi biologici prodotti dal trattamento delle acque reflue urbane per produzione di bio lignite”. Essendo i temi ambientali, giustamente, visti i guasti quasi irreparabili prodotti agli equilibri naturali in cui viviamo, di grande interesse, come pure quelli del riciclo e dell’economia circolare, su questo progetto si è creata grande attenzione. Più che normale e più che giusto. Magari fa un po’ più notizia perchè nelle nostre zone, umbre e toscane, non siamo granchè abituati alla “democrazia partecipativa”. Le questioni ambientali non hanno confine. Ancora di più non ha confine questo progetto che dovrebbe essere realizzato in località “le Biffe” ad un tiro di schioppo da Pobandino e da Città della Pieve. La partecipazione quindi ci riguarda tutti. Abbiamo già pubblicato nel nostro giornale il progetto presentato da Acea e le osservazioni critiche dell’Associazione il Riccio. Ora è arrivato il momento della chiarezza. Ci sono 90 giorni per farlo. Ci auguriamo che alla chiarezza siano ispirati gli interventi ed i contributi di tutti. Sotto pubblichiamo il testo dell’avviso che indica le modalità di partecipazione. (g.f)

Riguardo a Gianni Fanfano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Lettera al giornale. Chianciano. “Quando la politica celebra se stessa e perde di vista la realtà”

(riceviamo e pubblichiamo) Quando la politica celebra se stessa e perde di vista la realtà ...