La Rionese Chiusi terza alle finali nazionali OPES di calcio a 7 Fermati solo dai campioni d'Italia del Latina

Nel weekend scorso si sono disputate, a Riccione, le finali nazionali di calcio a 7 OPES a cui hanno partecipato 16 squadre provenienti da tutta Italia che, nei rispettivi campionati, si sono conquistati il diritto a giocarsi il torneo Le formazioni sono state suddivise in 4 gironi da quattro squadre e, in uno di questi, la Rionese ha trovato a contendersi il passaggio del turno Bologna, Perugia e Ferrara.

Il regolamento del torneo prevedeva che ad accedere ai quarti di finale fossero le prime due di ogni girone e dopo tre partite giocate molto bene i ragazzi di Chiusi, insieme alla squadra di Perugia, hanno raggiunto i quarti di finale dove si sono scontrati con una formazione di Nocera al termine della quale sono riusciti a prevalere raggiungendo così la semifinale dove, ad attenderla, c’erano però i campioni d’Italia in carica del Latina.

In semifinale la Rionese ha, forse, giocato la sua migliore partita mettendo in seria difficolta i campioni nelle cui fila giocavano anche alcuni ex giocatori professionistici. La partita è stata bella e ben giocata da entrambe le squadre che si sono affrontate senza esclusioni di colpi ma senza che nessuna delle due riuscisse a superarsi fermando così il punteggio sullo 0-0. Ci sono voluti i calci di rigore per estromettere i bravissimi ragazzi della Rionese dalla finalissima in cui il Latina, per la quinta volta consecutiva, si è laureato campione d’Italia battendo il Perugia.

La Rionese, uscita tra gli applausi degli stessi campioni d’Italia, si è quindi trovata a giocare la finale per il terzo posto contro una compagine di Torino e, al termine dell’ennesima bella partita si è aggiudicata così il meritatissimo terzo posto. E’ stata un’esperienza bellissima per i giovani ragazzi di Chiusi che, guidati magistralmente da Mr. Giuliacci, hanno brillato non solo per il bel gioco ma anche per una organizzazione e correttezza esemplare mettendosi in luce come una delle migliori formazioni dell’intero torneo. Proprio dopo le prime partite, infatti, i campioni d’Italia avevano posto la loro attenzione sulla compagine Chiusina chiedendo agli organizzatori chi fossero “quei ragazzini bravi in maglia rossa “ “Adesso, ha dichiarato il presidente della Rionese, sanno bene chi erano quei ragazzini che l’anno prossimo proveranno a strappargli lo scudetto dalle maglie.”

Riguardo a redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

La Nazionale italiana sbandieratori si è esibita a Praga e ha incontrato il ministro Franceschini. Emozioni e importanti prospettive dopo la prima uscita all’estero degli azzurri invitati alla Festa del Sentiero d’Oro del Sale di Prachatice.

Comunicato stampa. Gli azzurri sono stati ospiti in Repubblica Ceca dal 21 al 25 giugno scorsi, ...