Incontro Urat. Marini “Trasimeno grande motore per il turismo e l’economia dell’Umbria” A Magione presentate le iniziative del Consorzio per il 2018

(aun) “Il Trasimeno rappresenta uno dei più importanti motori dell’economia regionale e del turismo per il quale è importante una programmazione in sintonia tra le istituzioni e gli operatori del settore”: così la presidente Marini ha aperto il suo intervento all’incontro organizzato dall’Unione ristoratori e albergatori del Trasimeno al Castello dei Cavalieri di Malta di Magione, per parlare di progetti e nuove idee per il Trasimeno e presentare il calendario degli eventi programmati per il 2018. L’iniziativa, alla quale hanno partecipato i rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni, è stata l’occasione per presentare l’edizione numero due di “Porte aperte al Trasimeno” che tornerà a maggio con tante novità, nonché una nuova attività di Urat intitolata “Trasimeno in rete”: promozione di tutte le eccellenze del territorio attraverso il web.

Sono intervenuti oltre al presidente Urat, Michele Benemio, il vicepresidente, Giorgio Bacioccola e il Consiglio direttivo, i Sindaci degli otto Comuni del Trasimeno, i presidenti delle associazioni del territorio e i soci del Consorzio Urat. Il sindaco di Magione, Giacomo Chiodini, in apertura dell’incontro ha portato il saluto a nome di tutti i sindaci del comprensorio.

“Voglio ringraziare tutti – ha detto la presidente Marini – perché questo territorio subito dopo gli eventi sismici che ci hanno fatto vivere dei momenti decisamente pesanti, è stato un punto di riferimento significativo per l’accoglienza e di questo vi siamo grati. Sul fronte del turismo in termini di presenze incominciamo ad essere fiduciosi e segnare i numeri in positivo – ha detto la presidente- Circa due terzi dei turisti che scelgono l’Umbria per le loro vacanze arrivano da Assisi, Perugia e dal Trasimeno, ciò vuol dire che questo territorio, con i suoi borghi, la sua economia basata sul turismo e la pesca, il lago, e la sua storia, ha grandi potenzialità che ancora non sono espresse nella totalità. In questo contesto, Urat svolge un lavoro prezioso, visto che ha dato il via ad un’azione di marketing che non promuove solo le attività, ma racconta l’Umbria facendone scoprire e la sua ‘emozionalità’ e operosità. La Regione – ha aggiunto la presidente Marini- vuole accompagnare questo percorso e ci sono le condizioni economiche e finanziarie per programmare azioni su vari ambiti della programmazione, che vanno dalla riqualificazione delle strutture con circa sei milioni di euro a favore delle imprese che vogliono innalzare gli standard delle loro attività , al potenziamento delle infrastrutture per il quale abbiamo proprio poche ore fa firmato un importante accordo con BusItalia e Trenitalia, e il potenziamento del sistema viario con Anas”.

Fondamentale per la presidente Marini, è anche “la digitalizzazione ormai un passaggio obbligato per consolidare i numeri già raggiunti per attrarre nuovi visitatori con un’offerta turistica anche di livello medio- alto e per promuovere e raccontare in tutto il mondo l’Umbria”.

   “Vogliamo promuovere il Trasimeno nel migliore dei modi – ha spiegato il presidente Urat, Michele Benemio – Con l’insediamento del nuovo direttivo, l’Urat ha iniziato a intrattenere rapporti con le diverse realtà del lago, portando avanti un dialogo importante con tutti i livelli istituzionali e programmare le azioni finalizzate a valorizzare il territorio”.

Benemio ha annunciato che l’edizione numero due di ‘Porte aperte al Trasimeno’, sarà pubblicata a maggio e contestualmente “in particolare nei giorni 12 e 13, saranno organizzate numerose attività culturali e sportive in tutti gli otto comuni del Trasimeno. Ci saranno – spiega Benemio – dei punti di raccolta denominati ‘Porte Aperte Welcome’ che saranno identificati come centro informazioni e di accoglienza dei turisti. Inoltre, verranno presentate degustazioni guidate dei prodotti tipici delle aziende agricole del territorio”.

Le strutture ricettive aderenti al progetto non si fermeranno solo alle due giornate, ma proporranno delle offerte vantaggiose per l’intera settimana dal 6 al 13 Maggio (soprattutto per richiamare i turisti stranieri) e per il Week end dall’ 11 al 13 Maggio.

A parlare del nuovo progetto Urat “Trasimeno in Rete” è stato il vicepresidente, Giorgio Bacioccola: “In collaborazione con le amministrazioni comunali – ha riferito – abbiamo deciso di realizzare delle azioni promozionali che interessano tutto il territorio, finalizzate a divulgare il brand Trasimeno. ‘Trasimeno in Rete’ infatti, è un progetto che vuole coordinare la promozione turistica attraverso lo sviluppo di servizi integrati, quali le eccellenze culturali, artistiche, sportive, enogastronomiche e naturali di tutto il comprensorio. Il consorzio è in grado di mettere in rete un gran numero di imprese ricettive turistiche, adatte a diversi e variegati target di clientela che vanno da family, charme, sport, cultura o musica. L’idea è quella di potenziare l’utilizzo della rete virtuale tramite tutti i canali di promozione web e di investire nella comunicazione interattiva”.

 Concludendo è stato ricordato che Urat è un Consorzio turistico rappresentativo di tutte le tipologie ricettive del Comprensorio, nato dall’iniziativa di alcuni ristoratori nell’anno 1983 e che oggi raggruppa oltre 100 attività turistiche degli otto Comuni del Trasimeno: “Come sottolineato in molte occasioni, il Trasimeno ci sta a cuore e crediamo in un lavoro congiunto per la sua promozione” – ha concluso Benemio, ringraziando coloro che sono intervenuti all’incontro e in particolare, la presidente Marini “per il sostegno nel percorso di valorizzazione di una delle risorse più importanti dell’Umbria”.

Riguardo a redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

“Fondi Ue” Critiche sulla capacità di spesa della Regione. La Marini risponde ” Non è vero” Partendo dalle affermazioni contenute nel rapporto sull'economia regionale

Nel rapporto presentato nei giorni scorsi da Banca d’Italia sull’andamento dell’economia regionale ci sono dei ...