Il Giro Rosa Women’s World Tour 2020 n. 31 arriva a San Casciano dei Bagni. La terza tappa del Giro ciclistico d’Italia femminile internazionale, Santa Fiora-Assisi di 142,2 Km, domenica 13 settembre passa a Celle sul Rigo per il primo Gran Premio della Montagna.

(Comunicato stampa)

Partito venerdì 11 settembre alle 14.00 con una cronometro a squadre a Grosseto il Giro ciclistico d’Italia femminile internazionale. In programma nove tappe, fra cui una cronometro a squadre inaugurale in quel di Grosseto, per un totale di 975,8 chilometri, con partenze e arrivi dislocati tra Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Puglia, dove si disputerà il gran finale a Motta Montercorvino. Domenica 13 settembre (orario di partenza 12.15 – orario di arrivo previsto 16.20), la terza tappa partirà da Santa Fiora per raggiungere Assisi e arriverà a San Casciano dei Bagni, precisamente a Celle sul Rigo per il primo Gram Premio della Montagna.

Siamo felici di ospitare il passaggio del Giro d’Italia femminile internazionale – afferma il Sindaco di San Casciano dei Bagni, Agnese Carlettiin quanto rappresenta un momento di grande visibilità per il nostro territorio e per questo, in virtù dell’assegnazione del Gran Premio della Montagna proprio a Celle sul Rigo, abbiamo deciso di mettere volentieri a disposizione un premio che consegnerò personalmente ad Assisi all’arrivo di questa terza tappa“.

La gravissima pandemia mondiale, provocata dalla diffusione del Covid-19, aveva dapprima costretto gli organizzatori del “Giro Rosa Women’s World Tour” a sospendere la corsa, inizialmente in programma nello scorso mese di luglio. Rivolta e i suoi collaboratori, però, hanno da sempre ribadito la ferma volontà di portare a svolgimento la manifestazione ciclistica femminile a tappe più importante a livello internazionale, nel pieno rispetto di tutte le norme igieniche e sanitarie previste per legge. Il tutto riorganizzando un evento di questa portata in poco più di un mese. Solo un piccolo sacrificio concordato con le istituzioni: le tappe in questo 2020 saranno nove, al posto delle consuete dieci, per permettere alle atlete di raggiungere in tempo la Svizzera per la rassegna iridata in programma la settimana successiva alla conclusione del Giro Rosa.

Il Giro Rosa così, oltre a essere la più importante corsa a tappe del calendario femminile, diventa anche l’unica corsa a tappe del medesimo calendario che si svolgerà in questa stagione così particolare. Le migliori atlete del panorama ciclistico internazionale, appartenenti alle 24 squadre dell’U.C.I. Women’s World Tour, si daranno battaglia sulle strade del centro e del sud Italia.

Di seguito una breve presentazione delle frazioni previste

1 TAPPA – Venerdì 11 settembre. Grosseto-Grosseto, cronosquadre, 16.8 km
Le danze si apriranno con una cronometro a squadre di poco più di 16 chilometri lungo le strade del Grossetano. Nessuna particolare difficoltà altimetrica prevista. La faranno da padroni i team delle specialiste. Medie alte e distacchi che potrebbero già indirizzare in un certo modo la corsa di alcune delle favorite.

2 TAPPA – Sabato 12 settembre. Civitella Paganico-Arcidosso, 124,8 Km
La massima corsa a tappe femminile resterà nella provincia di Grosseto per un’altra tappa impegnativa. Un percorso ricco di insidie sin dai primi chilometri: dopo appena 14 chilometri, infatti, in località Cinigiano, si affronterà un primo settore di sterrato. Qualche chilometro di pianura e poi il gran finale: si girerà attorno al Monte Amiata e le atlete affronteranno la salita di Seggiano: poco più di 4 chilometri di strada bianca con pendenze importanti. Al termine mancheranno solo 11 chilometri al traguardo.

3 TAPPA – Domenica 13 settembre. Santa Fiora-Assisi, 142,2 Km
Nessuna pace per le atlete. La terza frazione sarà caratterizzata da continui saliscendi che traghetteranno la corsa verso Assisi. Al cinquantesimo chilometro il primo Gran Premio della Montagna a San Casciani dei Bagni, terza categoria. Da quel momento il tracciato sembra addolcirsi: è un’illusione. Il finale è tutto all’insù verso Assisi dove è posto un Gpm di prima categoria.

4 TAPPA – Lunedì 14 settembre. Assisi-Tivoli, 170,3 Km
È la frazione più lunga del Giro Rosa 2020. I dati parlano di un solo Gpm di terza categoria ad Arrone dopo 70 chilometri di corsa. L’altimetria, in realtà, è quella classica dei percorsi del centro-sud Italia. La pianura bisogna cercarla con la lente di ingrandimento. Il rettilineo d’arrivo verso Tivoli, infatti, sale costantemente.

5 TAPPA – Martedì 15 settembre. Terracina-Terracina, 110,3 Km
Si parte da Terracina per tornarci dopo 110 chilometri e due Gpm. Il primo di seconda categoria a Itri, dopo 50 chilometri di corsa. Il secondo all’ottantesimo chilometro a Monte San Biagio. Da lì al traguardo la strada è ancora lunga e se le squadre delle velociste, più resistenti, troveranno l’accordo non ci sarà pane per altri denti.

6 TAPPA – Mercoledì 16 settembre. Torre del Greco-Nola, 97,5 Km
Un Gpm di terza categoria a Sarno, dopo 31 chilometri. Successivamente una leggera ma costante salita verso Monteforte Irpino. Da quel momento discesa e pianura sino al traguardo di Nola.

7 TAPPA – Giovedì 17 settembre. Nola-Maddaloni, 112,5 Km
Verso il finale del Giro Rosa, con le energie già ridotte al lumicino, le atlete affronteranno un’altra tappa complessa. I primi chilometri non prevedono alcuna difficoltà particolare, la situazione cambia nettamente a partire dal chilometro 82, a Caserta. Inizia qui la salita verso il Santuario di San Michele Arcangelo, asperità di terza categoria. In cima si scende, si transita dal traguardo una prima volta e si torna a salire. Al secondo passaggio in vetta, picchiata finale verso il traguardo di Maddaloni.

8 TAPPA – Venerdì 18 settembre. Castelnuovo della Daunia-San Marco La Catola, 91,4 Km
Penultima frazione. Tappa breve, la più breve, ma decisamente importante. Preludio alla sentenza finale sul destino della corsa. Due asperità di seconda categoria da affrontare e arrivo in salita. Si parte già in salita, si scende poi verso il traguardo volante di Lucera. La prima asperità è posta a Volturino, dopo 50 chilometri di corsa: da quel momento gli atleti non vedranno più la pianura sino a dopo il traguardo. Tra salite e discesa si giungerà infatti alla salita finale verso San Marco La Catola.

9 TAPPA – Sabato 19 settembre. Motta Montecorvino-Motta Montecorvino, 109,8 Km
Per tradizione la frazione finale dei grandi giri è una tappa in pianura, una passerella. Non qui. La frazione conclusiva del Giro Rosa 2020 è una frazione che ha le carte per modificare nettamente la classifica generale. Gli organizzatori hanno infatti disegnato un percorso strutturato a circuito ed incentrato sulla salita del Volturno. Quattro giri di 27,5 chilometri attorno alla medesima asperità che, al terzo giro, sarà anche Gpm di seconda categoria. L’acido lattico accumulato potrebbe giocare brutti scherzi. La conclusione sarà ancora in salita.

I dettagli e la cartografia delle tappe del “Giro Rosa” sono consultabili sul sito ufficiale www.girorosaiccrea.it

Le squadre: otto formazioni U.C.I. Women’s Word Tour e sedici squadre U.C.I. Women’s Continental

Al Giro Rosa numero 31, l’edizione 2020, che prenderà le mosse da Grosseto, in Toscana, venerdì 11 settembre, per arrivare, dopo nove tappe e rilevanti difficoltà altimetriche, a Motta Montercorvino, in Puglia, sabato 19 settembre, è la più importante gara a tappe femminile inserita nel circuito U.C.I. Women’s World Tour. L’organizzazione 4 Erre A.S.D., nella persona del Patron Giuseppe Rivolta, ha ufficializzato l’elenco delle 24 formazioni partecipanti, provenienti da ben quattordici diverse nazioni, che si contenderanno la maglia rosa sponsorizzata da Crediper. Otto formazioni appartenenti all’U.C.I. Women’s World Tour e una accurata selezione delle migliori sedici squadre facenti parte dell’U.C.I. Women’s Continental.

U.C.I. Women’s World Team:

U.C.I. WOMEN’S WORLD TEAMS:
– ALÈ BTC LJUBLJANA (ALE)
– CANYON // SRAM RACING (CSR)
– CCC LIV (CCC)
– FDJ NOUVELLE-AQUITAINE FUTUROSCOPE (FDJ)
– MITCHELTON SCOTT (MTS)
– MOVISTAR TEAM WOMEN (MOV)
– TEAM SUNWEB (SUN)
– TREK SEGAFREDO (TFS)

U.C.I WOMEN’S CONTINENTAL TEAMS:
– AROMITALIA BASSO BIKES VAIANO (VAI)
– ASTANA WOMEN’S TEAM (ASA)
– BEPINK (BPK)
– BIZKAIA DURANGO (BDU)
– BOELS DOLMANS CYCLINGTEAM (DLT)
– CERATIZIT WNT PRO CYCLING TEAM (WNT)
– COGEAS METTLER LOOK PRO CYCLING TEAM (CGS)
– CRONOS CASA DORADA WOMEN CYCLING (CDO)
– EQUIPE PAULE KA (EPK)
– EUROTARGET BIANCHI VITTORIA (SBT)
– LOTTO SOUDAL LADIES (LSL)
– LVIV CYCLING TEAM (LCW)
– MINSK CYCLING CLUB (MCC)
– SERVETTO PIUMATE BELTRAMI TSA (SER)
– TOP GIRLS FASSA BORTOLO (TOP)
– VALCAR TRAVEL & SERVICE (VAL)

Riguardo a antoniodellaversana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Barigelli.Il direttore della “Gazzetta dello Sport” che ha scelto Città della Pieve

Dopo la laurea, in Storia del Risorgimento, Stefano Barigelli non pensava di fare il giornalista, ...