Gruppi consiliari e partiti PD-PSI di Chiusi chiedono al Sindaco Bettollini di non dimettersi.

(riceviamo e pubblichiamo comunicati stampa)

A meno di ventiquattro ore dall’inizio degli incontri dell’inchiesta pubblica sul progetto Acea è arrivata la notizia delle possibili dimissioni del sindaco Juri Bettollini. Il gruppo di maggioranza e gli assessori della giunta intervengono e invitano il sindaco a desistere dall’intento proseguendo il proprio percorso a favore della città e dei cittadini.

“Insieme al sindaco e agli altri assessori abbiamo affrontato tanti problematiche e anche se questo è un momento difficile, complesso, a nome mio e della giunta chiedo a Juri di non abbandonare il ruolo di guida della Città di Chiusi perché sono certo che alla fine il buon senso e la verità prevarranno, anche perché è quello che chiediamo e pretendiamo per il bene dei nostri concittadini – dichiara l’assessore all’ambiente Andrea Micheletti – Quello che più di tutto ci dispiace e che si è creato un clima di forte tensione sociale e politica che sta travalicando i limiti del rispetto reciproco, suscitando paure e dubbi fra la popolazione. Questo progetto non è un’opera pubblica dell’amministrazione comunale, ma un progetto presentato da un’azienda su area privata, tenuta a rispettare un preciso iter procedurale autorizzativo, che come amministrazione comunale stiamo seguendo in modo attento al fine di garantire in primis il bene della collettività. Ricordiamo che ad oggi nessuna opera è stata ancora autorizzata e, inoltre, mi preme ricordare che il progetto Acea, al netto di tutte le necessarie e fondamentali rassicurazioni e garanzie dal punto di vista della salute pubblica e dell’impatto ambientale, non si inserisce in una nuova area industriale, bensì in un luogo dove adesso è già attivo un impianto (ex bioecologia) che è più grande di quello che si andrebbe a realizzare. Inoltre chiederemo la bonifica di tutta l’area e la sostituzione degli impianti obsoleti. Da domani inizia un percorso di confronto che rappresenta una grande opportunità per tutti noi; invitiamo tutte e tutti, cittadini ed associazioni, a seguirlo con attenzione, partecipazione e fiducia nel rispetto delle istituzioni e delle rispettive posizioni.”

“Il gruppo di maggioranza PD/PSI in consiglio comunale – dichiara il capogruppo Gianluca Annulli – chiede convintamente al sindaco Juri Bettollini di desistere dal presentare le proprie dimissioni perché non è questo quello di cui la città ha bisogno. Oggi come non mai serve una guida forte per poter prendere decisioni, soprattutto, quelle difficili tenendo conto del bene della città e dei cittadini di Chiusi. Sulla questione Acea le opposizioni stanno costruendo una campagna becera di paura, odio e disinformazione, che non possiamo accettare oltre e sulla quale non dobbiamo cedere. Abbiamo piena fiducia nella persona del sindaco e siamo certi che anche con il minimo dubbio il progetto sarà fermato. Invitiamo a partecipare con mente sgombra da pregiudizi agli incontri dell’inchiesta pubblica perché sarà quello il momento dove potremo comprendere con chiarezza ogni aspetto della questione.”

“Quello a cui stiamo assistendo in queste settimane – dichiara Simone Agostinelli presidente della Commissione Ambiente – ha veramente del surreale, una sorta di caccia alle streghe in uno scenario da medioevo mirato solamente a generare paura tra i cittadini. Nei social network si leggono menzogne e provocazioni continue orchestrate per screditare dal punto di vista politico e personale la figura del nostro sindaco e della nostra Amministrazione Comunale. Le preoccupazioni e i dubbi sulla salute pubblica sono legittimi ed anche noi abbiamo le stesse preoccupazioni per le quali vogliamo, però, risposte chiare e scientifiche e non la caciara a cui stiamo assistendo in questi giorni. I confronti dell’inchiesta pubblica serviranno proprio a questo scopo ed abbiamo piena fiducia che si possa arrivare a risposte concrete sulle quali riflettere e decidere la strada per il futuro. Al sindaco chiediamo di non prestare l’orecchio all’odio propagato tramite social network e di non interrompere il nostro mandato amministrativo che deve ha ancora tante possibilità di sviluppo”.

L PARTITO DEMOCRATICO E IL PARTITO SOCIALISTA ITALIANO CHIEDONO AL SINDACO JURI BETTOLLINI DI NON DIMETTERSI

Il Partito Democratico e il Partito Socialista Italiano chiedono al sindaco Juri Bettollini di non portare avanti la procedura di dimissioni per il bene della Città e dei cittadini di Chiusi. La fiducia sull’operato del sindaco e di tutto il gruppo di maggioranza è, infatti, immutata e siamo certi che, anche sul progetto presentato da Acea Ambiente, sarà usato il metro del giudizio e della salvaguardia dell’interesse primario della popolazione.

“I toni del dibattito sul progetto Acea – dichiara per il Partito Democratico Sara Marchini – hanno superato di gran lunga i confini del confronto civile e democratico. Quello a cui stiamo assistendo nelle ultime settimane è un continuo attacco alla figura del sindaco organizzato ad arte al solo scopo di screditarlo agli occhi dei cittadini a fini politici ed elettorali attraverso le armi della paura e dell’allarmismo. Infatti, accanto alla comprensibile volontà dei cittadini di essere informati e di essere rassicurati sulla validità del progetto e sui suoi sviluppi, nei social si sta tentando di fare un’operazione di terrorismo mediatico attraverso bugie, fakenews e insinuazioni, che nulla hanno a che vedere con la ricerca della verità sulla questione Acea e questo non è più accettabile. Come Partito Democratico e come cittadini di Chiusi siamo i primi ad essere interessati ad approfondire ogni aspetto del progetto che Acea ha presentato e vigileremo con grande attenzione su tutto ciò che riguarda in primis emissioni e impatto ambientale perché i primi a dovere essere convinti siamo proprio noi. Attendiamo, dunque, con grande interesse l’inizio degli incontri dell’inchiesta pubblica, incontri voluti proprio dal sindaco, dove ogni aspetto sarà analizzato da persone esperte e competenti. Una società civile e moderna non può basare le proprie scelte sul “no” a prescindere, ma deve ricercare la verità in un confronto scientifico serio e non influenzato da fattori esterni. In questo percorso noi abbiamo fiducia così come lo abbiamo nelle istituzioni che lo hanno voluto e organizzato. Al termine delle sedute il quadro sarà finalmente chiaro e solo allora il consiglio comunale deciderà se far proseguire il progetto oppure no. Al nostro sindaco chiediamo con forza di tenere duro, di non dimettersi e di continuare a guidare la nostra città con lo stesso amore di sempre.  I social network sono strumenti utili, anche ai fini dell’informazione, ma purtroppo attraverso di essi assistiamo anche alla propagazione dell’odio, alla diffusione di allarmi e anche all’allusione a chissà quali fini personali, ma vogliamo ricordare a Juri che il mondo virtuale non corrisponde per fortuna a quello reale dove, invece, tantissimi cittadini hanno ancora fiducia in Juri Bettollini sia come politico, sia come amministratore sia come uomo che vive a Chiusi”.

“Il Partito Socialista Italiano – dichiara il PSI di Chiusi – chiede al sindaco di non proseguire nel percorso di dimissioni e di non abbandonare la propria città. Nel corso del mandato amministrativo l’operato del sindaco, degli assessori e di tutto il gruppo di maggioranza ha sempre guardato al bene della città e dei suoi cittadini ottenendo risultati che mai erano stati raggiunti in passato. La Città di Chiusi ha ancora un grande bisogno del nostro sindaco e non possono essere gli attacchi infondati su questa vicenda a minare l’attività amministrativa. La fiducia del Partito Socialista Italiano è immutata e invitiamo il sindaco a non ascoltare le bugie diffuse tramite social network, ma a continuare a guidare la propria città a testa alta nella consapevolezza di avere sempre lavorato con trasparenza a favore di Chiusi e dei suoi cittadini.“

Riguardo a redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Chiusi. Lunedì 9 dicembre terza audizione generale inchiesta pubblica

(riceviamo e pubblichiamo) Si comunica che la terza audizione generale (audizione straordinaria rispetto al calendario ...