Gioiella. Campionato Italiano Prestige (seconda Prova). A Bonaccorsi (125),D’Angelo (Prestige MX1),Compagnone (Prestige MX2) e Lupino (Elite) il secondo round del tricolore motocross

Il maltempo condiziona pesantemente le gare della mattina situazione migliorata nel pomeriggio con corse altamente spettacolari e combattute

Delusione per i piloti umbri con Angeli, Zaccaro, Polidori e Cardaccia lontani dal podio.

La bomba d’acqua che si è scatenata nella notte sulle rive del Trasimeno non ha salvato nemmeno la frazione di Gioiella che ospita il Crossodromo internazionale Vinicio Rosadi e sul quale si è corso il secondo round del campionato Italiano delle classi 125, Prestige e Elite.

La situazione della pista ha messo a dura prova non solo i piloti ma anche gli organizzatori del Moto club Trasimeno che nonostante tutto sono riusciti a rendere il circuito praticabile sin dalle prime ore della mattina, tanto da ricevere i complimenti sia dei 250 piloti in gara che del presidente della Federazione Motociclistica Italiana Giovanni Copioli, ospite per l’intera giornata del Moto Club.

Le gare sono state tutte molto belle e combattute con vittorie andate a Andrea Bonaccorsi (classe 125), Alessandro D’Angelo (Prestige MX1), Felice Compagnone (Prestige MX2) e Alessandro Lupino (Elite).

La prova è risultata molto amara per i piloti umbri, scesi in campo con tutt’altre aspettative, soprattutto dopo le belle performance offerte in occasione delle gare precedenti e delle prove ufficiali.

Il più deluso è stato sicuramente lo spoletino Leonardo Angeli Junior, che dopo il terzo posto di Faenza nella classe Prestige MX2 è sceso sul circuito di casa caricatissimo come dimostrato nelle prove ufficiali del sabato e invece in gara uno è incappato in una scivolata subito dopo essere passato al comando, cosa che lo ha costretto a prendere anzitempo la via dei box lasciando via libera al rivale Felice Compagnone. Il frusinate si è aggiudicato la prova vincendo anche la seconda frazione corsa nel pomeriggio e con pista nettamente in condizioni migliori. Angeli in questa seconda gara ha indovinato la partenza ma anche in questo caso ha fallito il momento decisivo, infatti ha commesso un grave errore quando stava andando in testa, ha perso numerose posizioni che poi in parte ha recuperato nel finale, ma la sua rimonta si è fermata alla quinta piazza.

Nella classe Prestige MX1 si è imposto il varesotto Alessandro D’Angelo grazie a un secondo posto in gara uno e alla vittoria in gara due, stesso risultato ottenuto anche da Giovanni Bertuccelli, ma che alla fine ha ceduto il gradino più alto del podio in quanto discriminante ai fini della vittoria di giornata è il risultato di gara due. Terzo ha chiuso in entrambe le mance Thomas Martelli.

In questa classe erano presenti due umbri Alessio Zaccaro di Terni e Alessio Polidori. In gara uno sono andati abbastanza bene con il primo terminato nella top ten e il secondo, ex campione italiano, nei venti. Male invece la seconda manche con entrambi finiti oltre metà classifica.

Infine doppietta di forza per il portacolori delle Fiamme Oro Alessandro Lupino che nella prima manche ha avuto la meglio del coriaceo cortonese Samuele Bernardini a lungo in testa alla gara e nella seconda ha piegato nel finale la resistenza di Nicholas Lapucci e Michele Cervellin.

Ufficio Stampa

Moto Club Trasimeno “G.Capecchi”

 

 

 

Riguardo a redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Terranova e Tamburini sbriciolano i record del Giro del Lago di Chiusi. Grande organizzazione per le norme anti Covid.

(Comunicato stampa) Il freddo e la pioggia non hanno fermato i 400 atleti che, provenienti ...