Fai. Per le “Giornate d’autunno” unico percorso con il Castello Vecchio e il Santuario a Mongiovino.

(Cittadino e Provincia) Per l’ottava edizione delle “Giornate d’autunno” Fai tornano uniti in un percorso affascinante il Castello di Mongiovino Vecchio e il Santuario. Su iniziativa della delegazione del Trasimeno, sabato 12 e domenica 13 ottobre 2019 sarà possibile visitare due luoghi straordinari del territorio umbro.

L’edizione di quest’anno è dedicata all’Infinito di Leopardi nei duecento anni del suo componimento. Ed a questo capolavoro della letteratura sarà appunto ispirato l’itinerario di Mongiovino con la possibilità di riscoprire un borgo che domina un paesaggio vastissimo, dalla Valnestore fino al Subasio, sulle colline del Trasimeno.

Le giornate saranno anche l’occasione speciale per aprire al pubblico godimento luoghi solitamente chiusi, come la chiesa dell’Assunta del Castello, oggi dedicata a Sant’Antonio Abate, costruita all’ingresso del borgo. Accanto alla porta e lungo le mura urbiche conserva un ricco apparato decorativo, con affreschi dal XIV al XVI secolo, con alcuni attribuiti al Pomarancio. È in corso una campagna di raccolta fondi per il recupero degli stessi a cura della buonacausa org.

Oltre alla chiesa del Borgo Vecchio, la staffetta delle Giornate prosegue con il Santuario (Luogo del cuore Fai), tra i più rilevanti di Umbria, a pianta quadrata, sovrastato da una cupola, in pietra serena con ricchissimi portali, e all’interno la splendida iconostasi, progettati da Rocco da Vicenza. L’interno conserva uno dei più preziosi e completi cicli decorativi manieristi.

I siti saranno aperti sabato 12 ottobre nel pomeriggio dalle 15:30 alle 17:30; domenica 13 dalle 10:00 alle 13:00, dalle 15:00 ultimo ingresso alle 17:00.

Saranno presenti delle navette per collegare il Santuario al Borgo Vecchio.

L’appuntamento delle ‘Giornate d’Autunno’, giunto alla sua ottava edizione coinvolge 260 città italiane, ed è a sostegno della campagna di raccolta fondi del Fai ‘Ricordati di salvare l’Italia’. Sarà possibile percorrere itinerari a tema alla scoperta di 700 luoghi speciali spesso non aperti al pubblico o poco valorizzati. Tra questi Palazzo Capris di Cigliè a Torino, l’Avvocatura a Roma e la tomba di Leopardi a Napoli.

Riguardo a Gianni Fanfano

Un commento

  1. Fausto

    Speriamo che se ci sono state colpe o omissioni vengano accertate, e che eventuali sbagli non ricadano sulle spalle di tutti.
    Se c’è inquinamento il sistema deve essere bonificato, ma speriamo che non si adoperino soldi pubblici per risanare situazioni create da privati-

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Il Borgo dei Borghi. Per Panicale in Tv è il momento della “Grande Sfida”

Intanto c’è tempo fino a giovedì 17 per votare il proprio borgo