Elezioni regionali. È nato il Progetto politico “Umbria dei Territori”. Comunicato Stampa

(comunicato stampa) Ha origine dal “Cantiere civico” promosso un anno fa e dal processo di alleanza tra rappresentanti di Liste civiche e associazioni di tutti i territori dell’Umbria. Per un nuovo sistema regionale, “Umbria dei territori” parteciperà alla prossima competizione elettorale della Regione.

C’è una Carta dei valori e un’innovativa organizzazione basata sui territori, fatta di cittadini eletti esclusivamente in liste civiche e di associazioni civiche-culturali. Così si presenta “Umbria dei territori – Federazione civica” all’appuntamento elettorale delle regionali. Trae ispirazione dall’esperienza del “Progetto dei Territori” del 2014 ed è nata dal progetto di “Cantiere civico” presentato ad Assisi il 30 marzo 2019. “Umbria dei territori” ha chiari valori e un obiettivo definito.

I valori – affermano i fondatori della compagine – «sono imperniati sull’idea della politica come servizio, sull’importanza della comunità e solidarietà tra le persone, sul pensiero ecologico, sull’economia circolare e sulla sintesi tra il rispetto del principio di laicità delle Istituzioni e il riconoscimento delle profonde radici cristiane e spirituali che permeano la nostra Regione. Crediamo nei principi sanciti dalla Costituzione italiana e dalla Convenzione Europea per i diritti dell’uomo».

L’obiettivo, coerente con il suo slogan, è chiaro: «di fronte alla preoccupazione per lo stato attuale della nostra Regione, ma soprattutto di fronte all’inadeguatezza della politica regionale, che ha bisogno di riforme radicali per guardare con fiducia al futuro, c’è da mettere in campo un rovesciamento del sistema regionale. Il centralismo regionale di ieri e di oggi è fallito, e si è chiuso su interessi particolari alimentati dal ceto politico-amministrativo locale. Il risultato è stato, da un lato, la frammentazione regionale e, dall’altro, la riduzione della Regione a Città-Regione. È tempo di cambiare: i territori rappresentano oggi il fattore competitivo determinante e da loro è necessario ripartire, per moltiplicare risorse e fattori di sviluppo. Il governo dell’Umbria deve essere espressione di un vero pluralismo delle intelligenze e delle volontà diffuse: è il momento di passare dal policentrismo a parole al policentrismo reale».

“Umbria dei territori” rappresenta l’idea forte della costruzione di una Umbria dopo questa Umbria. Perciò – continua il comunicato stampa – noi vogliamo inserirci nel dibattito regionale con una proposta imperniata sull’avanzamento di una nuova e competente classe dirigente, espressione dei territori dell’Umbria, che sta dando prova di sé nei Comuni e nella società. Siamo convinti infatti che dalla crisi si potrà uscire solo se si riuscirà a mobilitare le energie delle diverse città, paesi e luoghi in un disegno armonico di Regione che si apre e dialoga, soprattutto con i suoi territori di confine e cerniera, con le regioni confinanti, ed elabora progetti e strategie, partecipando così al risanamento del Paese altrimenti in declino, e sapendo che il confronto è con le grandi macro-regioni europee, nell’ottica dell’Italia mediana”.

A breve, la compagine, che coinvolge già tanti territori, presenterà in conferenza stampa i dettagli del programma e del progetto, peraltro destinato ad allargarsi e a rappresentare tutta l’Umbria, con una vera e propria costituente.

Coordinamento Liste Civiche e Associazioni e comitati di Cittadini dei Territori Eugubino-Gualdese, Altotevere, Media Valle, Perugino, Valnerina, Spoletino, Trasimeno Pievese, Ternano, Orvietano.

6 luglio 2019”

 

Riguardo a Gianni Fanfano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Chiusi. Carbonizzatore. M5Stelle ” Ci troviamo sulla stessa lunghezza d’onda…” Precisazioni sull'"inchiesta pubblica" sul carbonizzatore di Acea Ambiente

Dopo la nostra precisazione il M5stelle ci ha inviato questa nota che pubblichiamo a seguire. ...