Elezioni 2018. Comuni del Trasimeno. Cosa dicono le somme? Il Pd perde 3000 voti, ma resta la prima forza. Il M5S cresce sul 2015, la grande novità è la Lega.

Abbiamo fatto le somme dei voti degli otto comuni del Trasimeno. Voti assoluti lasciando stare le percentuali, che variano secondo i partecipanti e i voti validi. Abbiamo preso come riferimento quelli che oggi possono essere considerati i cinque maggiori partiti di riferimento, sia per i numeri che per le ipotesi di governo. Abbiamo preso come riferimento le tre ultime votazioni, cioè le precedenti politiche del 2013, le elezioni regionali del 205 e naturalmente quelle del 4 marzo.

Cosa emerge? Da un punto di vista esclusivamente numerico, lasciando fuori ogni valutazione di carattere politico.  Allora il Pd resta il partito di maggioranza relativa. Non più, ma non lo era più da diverso tempo, di maggioranza assoluta come era stato in quasi tutti i comuni il PCI. Il M5S è chiaramente la seconda forza intesa come partito singolo. All’interno della coalizione di centro destra emerge con forza la Lega che passa dai 170 voti complessivi delle precedenti elezioni politiche ai 5510 del 4 marzo. Il Pd perde molti voti (2990) rispetto al 2013, ma guadagna qualcosina, anche se di poco (476) rispetto alle regionali. Il M5Stelle ha un lievissimo calo sul 2013 (235) e una forte crescita sulle regionali del 2015 (5077). Del centro destra abbiamo di fatto già detto. E’ la Lega il protagonista nuovo, con una crescita che la porta ad essere la terza forza politica della zona e la prima a Passignano, trainata probabilmente anche dell’unica candidatura locale che aveva possibilità di essere eletto, come poi è avvenuto, con Briziarelli. Rispetto al 2013 da segnalare anche la crescita di Fratelli d’Italia, che però cala lievemente sul 2015.

Il voto delle regionali del 2015, come si vede mescola un po’ le carte, c’è da tenere presente che in quelle elezioni  ci fu un calo notevole dei partecipanti al voto, quando si toccò il minimo storico un po’ ovunque.

Riguardo a Gianni Fanfano

5 commenti

  1. Sono molto contenta se si riuscisse a far passare due treni al giorno per la stazione di Chiusi ,io e so che sarebbe una ventata di opportunità anche per chi viaggia poco e una boccata d’ossigeno per l’economia per tutto il territorio ringrazio le persone che si stanno interessando per il problema ,invito Sidaci e. Chi. Ha. delle responsabilità di essere presenti e partecipare alla riuscita Anna Stefani

  2. luciano fiorani

    Assolutamente condivisibile quello che afferma il signor Orefice (che non conosco). “Di qua e di la dal fosso”, ovviamente, la situazione è identica.
    Quanto ai due treni alta velocità visti semplicisticamente come il toccasana della nostra emarginazione nei collegamenti ferroviari, fa un po’ ridere.
    Due treni veloci contro l’isolamento? E quali sarebbero le mete raggiungibili e in che orario?
    Insomma siamo, come al solito, alle suggestioni. I problemi accumulati sono ormai di tale portata che siamo ridotti ad affidarci ai detti della saggezza popolare, secondo cui, ogni meglio è meglio.
    Ma più in la non si va.

  3. Rodrigo

    La risalita del poggio fa ridere tutti ad esclusione dell’amministrazione stessa, un pulman elettrico sarebbe buona cosa, ma non soltanto per portare gente dal basso al centro, Batino dovrebbe fare uno studio anche delle frazioni e fare un pulmino che passi per esse in virtù alle esigenze, conosco persone che pagano 30 o 40 euro a colpo da Porto a Castiglione del lago perché devono fare una visita.

  4. Paolo Scattoni

    È una situazione del tutto paradossale. Invece di pensare un collegamento veloce da Perugia ad Arezzo e da Perugia a Chiusi nell’arco della giornata si spende una cifra incredibile. Parlo di collegamenti Perugia-Arezzo e Perugia-Chiusi perché da Arezzo e da Chiusi si potrebbero “agganciare” l’alta velocità. Un tempo si parlava di un collegamento Perugia Chiusi con un investimento minimo (la famosa proposta di Panettoni di alcuni anni fa) si sarebbe potuto avere un collegamento al di sotto dei 30 minuti.

  5. remo

    Non ci sono commenti per questa “cena”conviviale di personalita’ che dovrebbero andare a fare meno danni altrove ed invece ancora pontificano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Città della Pieve. Briziarelli e Mancini (Lega) “Il diritto alla salute non deve essere solo scritto ma esercitato.” Nota stampa congiunta dei due esponenti della Lega Umbria

Riceviamo e pubblichiamo. “Il diritto alla salute non deve essere solo scritto ma esercitato” afferma la ...