Da Philadelphia a Città della Pieve. “Sacco e Vanzetti: gli uomini e chi li amava” 24, 25 e 26 agosto un’Opera teatrale con artisti di 24 nazionalità diverse

Comunicato stampa. E’ ancora una volta la cornice  medievale di Città della Pieve, in provincia di Perugia, la sede scelta dall’International Opera Theater di Philadelphia per portare in scena la loro quindicesima anteprima mondiale “Sacco e Vanzetti: gli uomini e chi li amava”.

Il melodramma/opera lirica in italiano, andrà in scena il 24, 25 e 26 agosto, al Teatro Comunale “Accademia degli Avvaloranti”.

Un progetto innovativo, interculturale, con ben 14 ruoli affidati a giovanissimi soprani, di età compresa dagli 8 e i 16 anni. Quest’anno, per la prima volta, il programma di performance/training dei giovanissimi è stato aperto tutte la USA, in maniera da poter condividere la storia di questi due martiri italiani con famiglie provenienti da tutto gli stati uniti.

Sacco e Vanzetti erano due operai italiani che come molti raggiunsero gli Stati Uniti per inseguire il sogno americano. Siamo negli anni successivi alla Prima Guerra Mondiale, periodo in cui la paura dello straniero, in particolare degli immigrati italiani, è forte. Scoraggiati dalle asprissime condizioni lavorative della working class Sacco e Vanzetti cominciano ad organizzare manifestazioni in supporto degli oppressi, e poi aderiscono al movimento anarchico. Nel 1920 vengono arrestati con l’accusa di rapina e omicidio, e dopo essere stati ritenuti colpevoli e messi in prigione, troveranno la morte sulla sedia elettrica il 23 agosto 1927, nonostante avessero degli alibi e le prove contro di loro fossero dubbie (and another prisoner had confessed to the murder). Il verdetto causò un movimento di intensa protesta internazionale poiché il sentire comune era che due innocenti avessero trovato la morte a causa delle loro idee politiche.

L’International Opera Theater ha deciso di portare in scena la storia di Sacco e Vanzetti e rivalutare il contributo delle classi lavoratrici italiane negli USA, le quali vengono sempre più impoverite dei diritti che avevano faticosamente conquistato durante il secolo scorso. E’ inoltre importante affermare il sacrificio di questi compatrioti, il quale hanno permesso ai tanti lavoratori italiani di iniziare un percorso di crescita verso il progresso civile e sociale del paese. E’ stato grazie a chi amava e sosteneva il coraggio di questi due uomini, che oggi la comunità italiana partecipa attivamente alla politica, all’economia e alla società statunitense.

Artisti da: Egypt, Russia, Macedonia, Albania, Cambodia, China, South Korea, USA, Belarus, Italy, Greece, England, Turkey, Vietnam, Ukraine, Australia, Canada, Tatarstan, Brazil, Spain, Belgium, Malaisya, Chile and Poland

 

Riguardo a redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

“Di fiore in fiore”. I fiori di Piegaro nell’arte del vetro”. Domenica 23 giugno presso il Museo del Vetro di Piegaro, verrà inaugurata la mostra

Una mostra collettiva di opere in vetro pensata per unire due realtà del territorio legate ...