Da Ospizio a Residenza Protetta. Il lungo cammino di una eccellenza pievese A 95 anni dalla nascita presentati i progetti per il futuro della "Creusa Brizi Bittoni"

Bella serata. Il Teatro degli Avvaloranti, lunedì pomeriggio aveva la platea e le prime file dei palchi gremiti. Per un avvenimento d’eccezione. A circa 95 anni dalla sua fondazione gli amministratori della Residenza Protetta “Creusa Brizi Bittoni”, guidati dal Presidente Vincenzo Cappannini,  hanno voluto fare un bilancio dal cammino fatto e tracciare le linee fondamentali del lavoro dei prossimi anni. Per farlo hanno voluto chiamare a raccolta la comunità pievese, anche per ricordarle un certo “distacco”  avvertito in passato e per chiederle invece di partecipare attivamente alla vita di questa importante struttura di accoglienza, sfruttando anche i nuovi strumenti messi a disposizione dal nuovo statuto.

Ospiti della serata, oltre alla cittadinanza pievese, il Cardinale Bassetti, l’assessore regionale Barberini ed il sindaco Scricciolo.

Nella parte finale del suo intervento, che pubblichiamo integralmente, insieme a quello del Sindaco, per la nostra volontà di essere anche un giornale fonte di documentazione della nostra città, Cappannini, nativo di Città della  Pieve, ha ricordato tutto quello in termini di servizi, uffici strutture è andato via dal nostro paese, mentre con orgoglio ha candidato la Residenza Protetta non solo a rimanere, ma a crescere e potenziarsi ulteriormente e diventare un polo di attrazione nel campo dei servizi a quella fascia di popolazione che sarà sempre più numerosa e bisognosa di aiuto.

Nel corso della serata è intervenuto anche l’assessore Barberini che ha voluto ribadire l’attenzione della Regione verso la fascia della popolazione anziana e ha anche preso un impegno a rivalutare l’annoso problema delle rette e quindi dei finanziamenti per la gestione erogati dalla Regione e che sono fermi da più di dieci anni.

Il Sindaco Fausto Scricciolo dopo avere ringraziato gli amministratori e l’assessore ed il cardinale Bassetti ha voluto precisare che dopo la chiusura dell’ospedale Città della Pieve si candida anche grazie all’esperienza della Residenza Protetta ed ai servizi che si stanno attivano un polo specialistico per l’assistenza della popolazione anziana.

Il cardinale Bassetti ha ricordato come con i suoi 95 anni la “Creusa Brizi Bittoni” sia un delle strutture più longeve non solo della Diocesi di Perugia – Città della Pieve e come le due fasce più deboli che occorre seguire siano proprio quelle dei bambini e degli anziani. Ma concludendo si è detto fiducioso anche rispetto alle difficoltà che il nostro paese sta attraversando ed ha citato il libro del Profeta Isaia che chiede alla sentinella “quanto resta ancora della notte”. E la sentinella risponde che “l’alba comunque viene”.

E’ seguito il contributo del dottor Giuseppe Menculini che ha riassunto le caratteristiche del lavoro di equipe che da tempo viene realizzato all’interno della Residenza, dei risultati estremamente significativi raggiunti in tema di deospedalizzazione degli ospiti e dei numerosi riconoscimenti scientifici avuti in importanti appuntamenti sia a livello accademico che sanitario.

Ma il momento più emozionante della serata è stato senz’altro quello in cui alla fine hanno preso la parola due operatrici della struttura, dipendenti della società cooperativa Polis, che da anni collabora nella gestione di alcuni servizi. Sono state Marcella Cianfrini ed Emanuela Fiorito a raccontare la vita fatta di sacrifici e di soddisfazioni di quanti lavorano al servizio degli ospiti particolari della Residenza. E soprattutto di come si tratti di un lavoro che può essere fatto solo se lo si vive anche come una missione.

Al termine della bella serata c’è da augurarsi che i progetti che gli amministratori hanno illustrato e che prevedono un ampliamento della Residenza e dei suoi servizi, insieme anche ad un incremento dei posti di lavoro dedicati, trovino i finanziamenti e le risorse economiche necessarie. Che in parte verranno, come abbiamo avuto modo di dire, da alcune alienazioni, ma che per il resto debbono essere trovate all’interno di linee di finanziamento regionali. A tal proposito,  per la verità, l’assessore Barberini è stato, diciamo, piuttosto vago. (g.f)

 

 

Riguardo a redazione

17 commenti

  1. Paola

    Finalmente i nostri governanti locali ce l’hanno fatta, ci hanno messo 40 anni ma alla fine sono riusciti a chiudere l’ospedale di Città della Pieve! È dagli anni 70 che ci provano, facendo prima il gioco delle tre carte: tolgo posti letto qui li aggiungo lì, ostetricia da qui a lì…
    Del diritto alla salute dei cittadini non interessa niente, l’importante è risparmiare sui servizi per poi vantarsi
    Di essere una regione virtuosa! Non interessa a nessuno che per far arrivare un’ambulanza dal P.S. più i vicino ci vuole mezz’ora o anche più è si può anche morire nel frattempo. Poi, per far tacere e stare buoni altri cittadini si promettono Case della Salute….
    Ben venga, a questo punto, il ricorso al Tar del Sindaco di Monteggabbione, lo dovremmo fare tutti noi cittadini!

    • hai perfettamente ragione.

      • remo

        Non ho capito molto:quindi il Comune di Citta’ della Pieve,al di la delle prime esternazioni,era perfettamente d’accordo con la chiusura di Citta’ della Pieve e trasformazione in Casa Protetta,o come si chiama.Ma lo sanno, in Comune che queste strutture non hanno Primo Soccorso o servizi di assistenza come radiologie od altro?Ma glie lo hanno detto negli incontri al Sindaco di Montegabbione?
        Mi sembra tutto molto ambiguo (come succede da anni nella politica locale).

      • remo

        Il Sindaco Scricciolo Fausto,aveva detto e scritto ripetutamente Prima e Dopo la Elezione:basta con questi Comuni del Trasimeno.Molto coerente e soprattutto Competente!

  2. Sono una cittadina di Città della Pieve ho assistito all’assemblea che è avvenuta a San’Agostino sempre riguardo alle notizie punto salute mi dispiace non chiamarlo più ospedale proprio perché non si può più avere il minimo di assistenza io dico cosa si può fare per credere che si possa vivere in paese responsabile per la salute ,io la sera che c’era anche la signora Marini ho tentato di crederle però adesso sto leggendo che il coraggioso sindaco di Montegabbione è ricorso al TAR io mi auguro che si possa ottenere qualcosa in più per tante persone che ne avranno o ne avremo necessità non ho capito perché anche il Comune di Città della Pieve non si è associato per far qualcosa in più Distinti saluti Anna Stefani

  3. remo

    Caro Manganello Patrik,che cosa fa,mena il cane per l ‘aia?.La Chiusura di Citta’ della Pieve l’ha organizzata,come si legge nel giornale del Comune il Comune stesso e poi ha provato a far organizzare il tutto dalla Regione ma in maniera,sembra, maldestra.

    • Patrik

      Certo signor Remo che la chiusura dell’ospedale l’ha decretata il Comune di Città della Pieve, e chi altri se no. Quello che ho scritto sull’articolo, è che a chiusura di un ospedale, dovevano lavorare per l’attivazione di un altro servizio. Come ade esempio potenziare il Pronto Soccorso con l’adozione ad esempio di altre ambulanze.

  4. Mirella

    Finalmente un articolo chiaro e completo sulla sanità nella nostra area. Sono chiare le responsabilità e la miopia dei comuni che per calcoli elettorali e con il beneplacito della Regione ora dopo aver azzerato tutto ci definisce(udite udite!) come area deprivata .
    Tutto ciò e incredibile.
    Dopo le roboanti promesse ripetute più volte per non dare ai cittadini il tempo di porre interrogativi e dubbi, ci è strato tolto pure il Pronto Soccorso, ma anche il Primo Soccorso!
    Un tempo i Pievesi formavano comitati, ora che da alcuni anni, ce ne sarebbe stato bisogno davvero siamo isolati e sfiduciati. Tuttavia alle ultime elezioni voto di massa alla Marini che aveva affossato con la complicità di Castiglione del Lago il progetto di Ospedale uniico a Villastrada.
    Almeno avessimo la possibilità con accordo fra regioni di usufruire di Nottola o..non so.
    Sono solo delusa e preoccupata per il futuro!

  5. remo

    CaRa signora, prenda la macchina e vada a Nottola quando vuole:accettano tutti.

  6. remo

    Dobbiamo dire che in questa nota del Consigliere Berna,scritta in politichese,non si capisce molto:e’estremamente vaga e sembra voglia attribuire responsabilita’ al mondo esterno sempre cattivo con questa cittadina pievese.Ci si sarebbero aspettate proposte e documenti tecnici sulla Sanita’ Umbra e Locale,non generiche lamentazioni.
    Ma i suoi referenti e dirigenti regionali ,con cui si presenta alle elezioni utilizzando il simbolo cosa ne pensano?Se poi,e sarebbe grave,non riconosce alcun referente regionale e nazionale,che peso puo’ avere la sua formazione politica comunale con cui e’ stato eletto?
    Inoltre non e’ chiaro per niente sul giudizio relativo alla attuale Amministrazione Comunale :come mai per un politico dichiaratamente di destra?

    • Lorenzo Berna

      Salve Remo!
      Mi sembrava di avere scritto cose chiarissime.
      Se l’ospedale di Città della Pieve è stato chiuso la colpa è del PCI-PDS-DS-PD e di chi gli ha dato il voto sino ad oggi.
      Se il progetto del nuovo ospedale unico non è stato realizzato la colpa e del PCI-PDS-DS-PD e di chi gli ha dato il voto sino ad oggi.
      La soluzione per futuro passa solo attraverso la realizzazione del nuovo ospedale unico del Trasimeno – Pievese e mi pareva di averlo scritto chiaro e tondo.
      Per quello che mi riguarda, inoltre, scelgo i referenti che voglio a qualunque livello e se voglio non ce scelgo alcuno. Ho sempre operato per il bene di Città della Pieve ed ho sempre cercato di rappresentare al meglio sia quelli che mi hanno votato sia quelli che non lo hanno fatto.
      Quanto al peso della lista elettorale che ho avuto l’onore di guidare alle scorse elezioni comunali il peso glielo hanno dato gli elettori, senza bisogno che qualcun altro venisse da fuori a tenerci a battesimo. Siamo grandi abbastanza per non averne bisogno, ma lei evidentemente non ha notato che la nostra lista non era connotata dalla presenza di nessun simbolo politico.
      Si può vivere anche senza padrini e tessere di partito, non crede?

  7. Buongiorno a tutti. In merito alla questione della chiusura dell’ospedale e del Pronto Soccorso di Città della Pieve, informiamo che a Città della Pieve si è costituito Il Comitato per il Diritto alla Salute Art.32. Dalla sua costituzione il Comitato ha, in primo luogo, appoggiato il Ricorso al Tar presentato dal Sindaco di Montegabbione. Successivamente, il 19 giugno ha condotto una manifestazione di protesta in occasione dell’inaugurazione della RSA. Il Comitato ha inoltre organizzato diverse assemblee pubbliche, tra cui l’ultima il 21 luglio scorso, per discutere insieme partecipazioni, collaborazione e iniziative. Comunicazioni e notizie inerenti il Comitato sono su Facebook. Le comunicazioni inerenti le assemblee sono state fatte sia tramite facebook che tramite volantini affissi a Città della Pieve e diversi Comuni limitrofi. Tutti i cittadini del territorio sono invitati a partecipare attivamente

  8. Per informazioni, adesioni e partecipazioni, potete scrivere a : comitatosaluteart32@gmail.com, oppure fare riferimento alla pagina Facebook: Comitato per il Diritto alla Salute Art 32 https://www.facebook.com/Comitato-per-il-Diritto-alla-Salute-Art-32-1377256182366122/

  9. remo

    Un po’ dilettanti sembra.Ed i Supermercati possono vendere Bottiglie di Plastica Chiuse o Lattine o le aprono prima?Se si il divieto e’ bello che superato!

    Se no, il povero utente deve rinunciare a dissetarsi ,potendo pero’ bere acqua di fontanella e spremuta di Arancia.

  10. Pierangelo Gabbiadini

    Noi musici bergamaschi, da anni dalle vostre parti nel periodo estivo, capiamo benissimo la vostra situazione. Da noi non è cosi evidente in quanto nell’arco di 20 Km abbiamo 4 ospedali. Siamo fortunati…mah… per visite specialistiche mesi di attesa, anche 6-7-8. Si fa in tempo a morire. Bisogna scendere per le strade, cambiare i politici…non c’è alternativa. Mentre le case farmaceutiche a volte con la complicità dei medici si spartiscono i guadagni, a noi cittadini ci tolgono spesso cose essenziali. La pazienza deve avere un limite. QUEI DUE MORTI SONO SULLA COSCIENZA DI CHI FA QUESTE SCELTE, NON ESITATE A DIRLO A VOCE ALTA, PIù ALTA CHE POTETE.

  11. Flavio Ceccarelli

    Perchè non può essere soddisfatta la richiesta di un PRONTO SOCCORSO per l’ospedale di Città della Pieve? Cosa c’entra il bacino di utenza se l’ospedale si trova in una area disagiata e rientra come parametri/indicazioni nel punto “9.2.2 Presidi ospedalieri in zone particolarmente disagiate” Decreto Ministeriale 2 aprile 2015 n. 70? http://www.camera.it/temiap/2016/09/23/OCD177-2353.pdf Forse l’assessore alla sanità Luca Barberini, così come tutti gli altri assessori regionali, Consiglieri delle Commissioni Sanità, molti Presidenti di regione e tutti i sindaci dove si trovano ospedali di aree disagiate, montane, insulari e ad alto rischio sismico, questo decreto, non l’hanno mai letto o non l’hanno mai voluto leggere. Per andargli in aiuto, il punto “9.2.2 Presidi ospedalieri in zone particolarmente disagiate” è a pagina 24 del link indicato.

  12. Manuela

    Prima, attuare la riconversione semmai .. e dopo togliere pronto soccorso e non il contrario …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Il Comune di Città della Pieve incontra i cittadini Primo incontro Martedì 16 a Palazzo Corgna ore 21,15

Il dialogo con i cittadini: l’occasione offerta dal bilancio. Essendo in fase di predisposizione da ...