Città della Pieve. Marco Damilano ai “Venerdì della Biblioteca” Con "Un atomo di verità: Aldo Moro e la fine della politica in Italia" venerdì 18 a Palazzo Corgna. 

Venerdì 18 maggio, direttamente dal Salone del Libro di Torino, arriverà a Città della Pieve Marco Damilano, noto opinionista di programmi politici di LA7 e attuale direttore de L’Espresso per presentare Un atomo di verità: Aldo Moro e la fine della politica in Italia (Feltrinelli, 2018). A metà strada fra il saggio storico e l’autobiografia, il libro è un racconto in prima persona in cui il giornalista ricostruisce il rapimento e la morte di Moro sulla scia dei suoi ricordi di bambino prima (con il pulmino della scuola passò per Via Fani solo venti minuti prima della strage del 16 marzo) e di adulto poi.

Per il titolo l’Autore ha scelto una dichiarazione di Moro – che sosteneva: “Datemi un milione di voti e toglietemi un atomo di verità e io sarò perdente” – per esprimere cosa e quanto hanno perso gli italiani quel fatidico giorno. Con la morte dello statista democristiano, infatti, è cambiata la politica italiana e soprattutto il modo di fare politica con le nefaste conseguenze cui tutti noi oggi stiamo assistendo. Il rispetto dell’avversario e della parola data, la fede nella missione da svolgere, gli ideali, la rettitudine morale che guidava i partiti ed i loro esponenti appartengono ormai ad un altro mondo di cui Damilano ci parlerà insieme ad Alvaro Fiorucci che dirigerà l’incontro che si svolgerà nella Sala Grande di Palazzo della Corgna alle ore 16.30.

Vi aspettiamo numerosi.

Le Istruttrici

  1. Fornasiero – R. Patrizi

 

 

 

Riguardo a Gianni Fanfano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Le opere “allo zafferano” di Gobbini ambasciatrici dell’Umbria in Versilia Parte dalla Toscana il tour artistico lungo la penisola del pittore pievese. L’inaugurazione il 30 luglio

(Cittadino e Provincia) Le opere allo zafferano di Gianfranco Gobbini escono dall’Umbria per diventare “ambasciatrici” ...