Città della Pieve. L’Ente Palio si presenta: riconoscimenti, progetti e conti. Assemblea annuale aperta al pubblico per la prima volta

Finora non c’erano mai state riunioni pubbliche dell’Ente Palio di Città della Pieve, l’organismo che formato dal Comune e dai tre Terzieri sovrintende all’organizzazione e alla promozione del Palio di agosto pievese. Anzi diciamo che fino a qualche tempo fa era una sorta di araba fenice.

Domenica scorsa il 22 di aprile invece l’assemblea annuale dell’Ente Palio è stata fatta in veste pubblica aperta a tutti i cittadini e la novità è stata senz’altro positiva e apprezzata.

Sono stati presentati programma e logo dell’edizione 2018, è stata fatta una sintesi delle attività svolte ed in corso. Sono stati presentati anche i responsabili delle diverse attività. Sono stati presentati anche i conti dell’Ente, rendiconto e budget.

A questa positiva evoluzione hanno dato una mano un clima certamente più unitario e collaborativo dei Terzieri, una loro autonoma crescita in termini di qualità ed autonomia operativa che può permettersi anche di collaborare meglio con gli altri, e forse anche il fatto contingente che a dirigere il Comune, ci sia in questo momento, un ex presidente di un Terziere, che quindi mastica meglio la materia del lavoro.

Come negli ultimi anni l’assemblea annuale è stata anche, ed è stata la parte più emozionante della mattinata, l’occasione per i riconoscimenti ad alcune persone che si sono distinte per il lavoro nei e per i Terzieri. Due premiati per ciascun terziere più due riconoscimenti consegnati per meriti diciamo speciali.

Questi due premi speciali sono andati a Palmiro Giovagnola ed a Valerio Bittarello. Perché sono stati entrambi protagonisti di una fase importante nella storia del Palio, quando, il primo in qualità di Sindaco, il secondo nella  veste di operatore culturale del Comune, cioè agli inizi degli anni ’90, fu istituita la “Caccia al Toro”, passando cioè dal bersaglio fisso a quello mobile e quando furono inseriti per la prima volta i “Carri Allegorici”, che dopo un primo periodo di fattura comunale negli ultimi anni sono tornati nel corteo,  ma per opera dei Terzieri.

Non poteva mancare, e lo ha fatto Giovagnola nel suo saluto, il ricordo dell’Anita, la madre di Valerio, infaticabile e preziosa sarta di quei primi carri.

Dal Terziere Castello, per mano del suo nuovo presidente Andrea Scricciolo sono stati premiati Remo Massoli e Giuliano Nardi.

Il Presidente del Borgo Dentro,  Gabriele Bordi ha consegnato la pergamena a Carlo Cottini e ad Anna Maria Scargiali.

Mentre Roberto Chionne , presidente del Terziere Casalino lo ha fatto con Mario Vecchi e Francesca Petrinotti.

Un ringraziamento particolare è stato rivolto ai collaboratori dell’Ente Palio, cioè a Giannella Rolando che svolge compiti di segreteria, a Marcello Brillo che cura il bilancio e a Mario Marroni che è il responsabile della Commissione Artistica.

Il Bilancio che è destinato prevalentemente alla promozione del Palio e ad alcuni servizi comuni si aggira attorno ai 45.000 euro e si nutre soprattutto dalle entrate che vengono dai biglietti e da alcune sponsorizzazioni. Irrisorio il contributo della Regione 900 euro. Del resto pur essendo  meno di Foligno, Bevagna, Narni, Assisi, Montone, che prendono dai 2000 ai 3500 euro, pare che sia uno dei contributi più alti.

Di particolare importanza, è stato ricordato, è stato il lavoro, svolto con la collaborazione delle aziende edili locali, per adeguare alle nuove norme delle sicurezza gli spalti del campo sportivo che è passato da un acapienza autorizzata di 800 posti seduti agli attuali 2.400.

Anche quest’anno la promozione è stata affidata allo studio Lorenzi di Perugia che con il consenso unanime dell’Ente Palio riproporrà il “Diventa protagonista” con il “Selfie della Monna” come brand principale della manifestazione. Avendo già espresso lo scorso anno il nostro parere in merito, non lo ripeteremo.

Nel corso della mattinata è intervenuto anche l’assessore alla cultura Carmine Pugliese che ha anticipato alcune iniziative che promuoverà il Comune nel corso dell’anno: tra i quali spiccano gli appuntamenti come le “Fiere merceologiche”,  un Convegno sugli Etruschi a luglio si spera con la esposizione dei reperti della Tomba di Laris restaurati, una iniziativa per la pubblicazione dei “diari di Iris Origo, la nota scrittrice proprietaria e fondatrice dei “Giardini della Foce”, la seconda edizione del “Il Nostro Tempo”. (g.f)


Riguardo a Gianni Fanfano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Arriva il Presepe Monumentale del Castello. La 52° edizione è dedicata alla rinascita. Da Natale nei sotterranei di Palazzo della Corgna a Città della Pieve

C’è un fiorire di presepi ovunque in questi giorni. E’ la trazione del Natale italiano ...