Città della Pieve augura buona Festa della Repubblica a tutti! 

Sono passati 74 anni da quel 2 giugno 1946, data in cui, con una matita in mano, gli uomini e, per la prima volta, le donne, finalmente riconosciute “cittadine” del nostro Paese, scelsero di dare vita alla Repubblica, uno dei momenti più importanti e ferventi della storia d’Italia.

74 anni indubbiamente intensi, in cui il popolo italiano ha intrapreso un bellissimo cammino ispirato ai valori di libertà, giustizia, uguaglianza fra gli uomini e rispetto dei diritti di ciascuno, pilastri della nostra Costituzione e fondamenta della nostra società. Valori espressi chiaramente sulla carta, ma di cui nella realtà, fin troppo spesso, non troviamo il commisurato riscontro.
Per questo, abbiamo ancora tanta strada da percorrere e da tracciare davanti a noi.

La Repubblica è una grande madre dal cuore aperto, giusto e generoso, sempre pronto a proteggerci e accoglierci, lasciandoci liberi di essere responsabili e artefici del nostro destino. Dobbiamo permettere che le sue forti radici, vive in ognuno di noi, continuino a penetrare e a trasformare il tessuto del nostro Paese, rendendoci ogni giorno, passo dopo passo, migliori di quello precedente.

Non sappiamo se l’esperienza del Coronavirus ci cambierà, ma di sicuro non è l’idea del cambiamento che ci porterà lontano, ma l’impegno concreto che ciascuno di noi metterà al servizio dei valori più alti che stanno alla base del bene comune. Solo così realizzeremo gli intenti della nostra Costituzione e renderemo onore ai sacrifici di vite umane e sofferenze che il nostro popolo, il popolo italiano, ha dovuto affrontare.

Compito della nostra comunità è esserne all’altezza, guidando le trasformazioni, trasmettendo opportunità e dando speranza e buoni esempi alle generazioni più giovani.

Partiamo da qui.

Buona Festa della Repubblica a tutti.

L’Amministrazione Comunale di Città della Pieve 

 

 

 

Riguardo a redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Maravalle “Acqua e rifiuti, al nodo le strampalate riforme del passato”

Il Sindaco di Ficulle "Nella Provincia di Terni è scoppiata la bomba d’acqua (e rifiuti)"