Città della Pieve a fianco di Fiagop per la campagna “Accendi l’oro, accendi la speranza”.

(Comunicato stampa)

Città della Pieve aderisce alla campagna nazionale di sensibilizzazione sulle problematiche e sui diritti dei bambini e degli adolescenti malati di cancro “Accendi d’Oro, Accendi la Speranza”, a cura di FIAGOP, la Federazione Italiana delle Associazioni dei Genitori Oncoematologia Pediatrica.

Il cancro pediatrico è la principale causa di morte per malattia nei bambini: ogni giorno, ci sono quasi 700 nuovi casi di cancro infantile in tutto il mondo. In Europa, 35.000 casi ogni anno. In Italia, circa 2.400.
Di questi, solo l’80% guarirà. Per questo è così importante che ognuno di noi partecipi e dia il proprio contributo, affinchè si abbia crescente consapevolezza dei primi sintomi e dunque diagnosi più precoci; un aumento dei finanziamenti alla ricerca; terapie più adatte e più mirate ai bambini e, in ultima analisi, un miglioramento nei risultati di cura dei bambini con diagnosi di cancro pediatrico.

Serve un migliore accesso alle cure per bambini e adolescenti affetti da cancro in tutto il mondo. Serve un’azione globale che porti risposte e soluzioni in grado di aumentare i tassi di sopravvivenza a questa patologia. Servono strategie condivise tra Paesi e Istituzioni per garantire una copertura sanitaria universale che rispetti il diritto alla salute di ogni bambino.

Per riconoscere apertamente e condividere il coraggio, la forza e la resilienza dei bambini e adolescenti che combattono il cancro, esprimere vicinanza alle loro famiglie, ai caregivers, indossiamo tutti un nastrino dorato, il colore più prezioso, perché preziosi sono i bambini, tesoro incommensurabile della nostra società.

Riguardo a antoniodellaversana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Arpal umbria: ora accesso più agevole ai servizi tramite Spid. Assessore Fioroni: importante modalità di semplificazione.

(Comunicato stampa) Da oggi è attivo un nuovo servizio per i cittadini. ARPAL (Agenzia regionale ...