Chiusi. Torna il “Giro del Lago”.

(Comunicato stampa)

 

Domenica 12 settembre torna il Giro del Lago di Chiusi, per la sua 12esima edizione. La gara, allestita dal GS Filippide-DLF Chiusi (assistito da un pool di società locali) dal 2010 non ha mai cambiato la sua formula, portando i corridori a competere su un tracciato di 18,2 km che si è sempre dimostrato molto selettivo. La gara ha sempre avuto vincitori italiani, in particolare Attilio Niola, per ben 5 volte sul gradino più alto del podio fra il 2011 e il 2017. In campo femminile tre vittorie per l’umbra Silvia Tamburi fra cui quella dello scorso anno, al pari di Alessandro Terranova che nel 2020 stabilì il reco4rd della corsa in 1h02’14”. Il Giro del Lago di Chiusi è andato in scena infatti anche nello scorso anno, tra le poche gare effettuate in piena pandemia rispettando tutti i regolamenti legati alla sicurezza sanitaria, come naturalmente avverrà anche quest’anno.

Epicentro della corsa toscana sarà Cabina Lago a Chiusi, presso il Ristorante da Gino che metterà a disposizione la sua struttura per tutte le necessità di prepartenza. Lo start della corsa verrà dato alle 9:30, per affrontare un tracciato ormai classico. Al sabato, dalle 15:00 si potranno ritirare i pettorali nel centro storico, nel Giardino dei Forti di fronte al Museo Nazionale Etrusco, presso il Bar Il Chioschetto, dove si terrà anche la presentazione ufficiale della corsa.

Le iscrizioni, che stanno marciando di gran carriera per raggiungere i livelli degli scorsi anni, sono al costo di 18 euro. Come detto, anche quest’anno verranno adottate le misure antiCovid: partenza con la mascherina da indossare per i primi 500 metri e subito dopo l’arrivo, divieto dell’uso di spogliatoi e docce, presenza di tre ristori liquidi lungo il percorso, uno rifornito anche di gel, infine ristoro finale in busta chiusa consegnato all’arrivo insieme alla medaglia ufficiale.

Per informazioni: www.girolagochiusi.it, girolagochiusi@gmail.com

 

Riguardo a antoniodellaversana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Quando le vacanze erano “lente”… anche a Chianciano

Faccio una riflessione in questa fine agosto, una sorta di ragionamento generale nel quale anche ...