Chiusi: Straordinario successo per il Concerto di Natale della Fanfara dei Carabinieri di Firenze. Raccolti 1260 euro che saranno devoluti in beneficienza.

La bufera di neve che si è abbattuta sul territorio di Chiusi nello scorso fine settimana non ha fermato né la Fanfara dei Carabinieri di Firenze né il pubblico del Mascagni che ha riempito platea e palchetti per assistere al Concerto di Natale 2017 Città di Chiusi. La serata, introdotta dal vicesindaco Chiara Lanari e presentata dalla giornalista Patrizia Aloisi si è aperta con i saluti di Roberto Valerio uno dei fondatori dell’Associazione Cure2Children che ha ringraziato telefonicamente, a causa delle avverse condizioni atmosferiche, l’Arma dei Carabinieri, la Città di Chiusi e tutti i presenti; Luciano Baglioni presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo di Chiusi e Carlo Capeglioni presidente di Banca Valdichiana di Chiusi e Montepulciano. I musicisti dell’Arma, diretti dal Luogotenente Ennio Robbio, si sono esibiti in una serie di melodie spaziando dal classico (La Regina della Notte di Mozart) al popolare (medley di canzoni napoletane e canti di Natale – “Le Belle Canzoni di Napoli – The magic of Christmas) o a veri pilastri della musica che hanno ispirato il cinema e la televisione (Moment for Morricone – The Typewriter), incantando il pubblico del Teatro P. Mascagni. L’intero incasso della serata (1260 euro) sarà devoluto in beneficienza e suddiviso equamente a favore dell’Istituto Casa Famiglia Il Girotondo di Chiusi e della Fondazione Cure2Children Onlus (in supporto ai bambini con tumori e gravi malattie del sangue indipendentemente da etnia, religione o regione geografica).

 
“La parola più importante che possiamo utilizzare per descrivere il Concerto di Natale che abbiamo vissuto è la parola “grazie” – sottolinea il sindaco della Città di Chiusi Juri Bettollini – grazie all’Arma dei Carabinieri e alla Fanfara di Firenze per averci offerto un concerto che ha emozionato nota dopo nota; grazie alla generosità delle tante persone che hanno sfidato la bufera per non mancare questo appuntamento e grazie anche ai nostri operai, alla Polizia Municipale, agli uomini della provincia e della Pubblica Assistenza perché se il concerto si è potuto svolgere è anche merito di chi a lavorato sotto la neve per liberare le strade e garantire l’ordine pubblico. Vedere sul palco del nostro Teatro P. Mascagni la Fanfara dei Carabinieri è stato un grande onore perchè la Città di Chiusi ha, da sempre, un rapporto di particolare fiducia con tutte le forze dell’ordine che giorno dopo giorno continuano a rappresentare un baluardo di giustizia e legalità a servizio dei cittadini. Il successo della serata è stato messo a dura prova dallo scatenarsi degli elementi naturali che però sono usciti sconfitti da un grande senso di comunità che ha portato anche a donare generosamente con lo scopo di portare un sorriso in più ai ragazzi della Casa Famiglia Il Girotondo di Chiusi e ai bambini dell’associazione Cure2Childrenn. Grazie, quindi, ancora una volta a tutti coloro che hanno lavorato per la riuscita del Concerto di Natale: all’Associazione Carabinieri Sezione di Chiusi, a Banca Valdichiana, alla Fondazione Orizzonti D’arte, alla nostra Amministrazione Comunale a tutte le forze dell’ordine presenti e ai tanti cittadini che sono intervenuti.”
Al termine del Concerto il primo cittadino di Chiusi Juri Bettollini e il Colonello Stefano Di Pace hanno salutato dal palco tutte le persone intervenute al concerto che si è concluso con uno straordinario Inno di Mameli e un lungo applauso in onore della Fanfara dei Carabinieri di Firenze cui è seguito il tradizionale brindisi degli auguri di Natale nel foyer del teatro.

  

 

Ufficio Comunicazione Comune di Chiusi
Andrea Biagi

 

Riguardo a cecilia fattorini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Lettere al giornale. Serenella Pelaggi ” La biblioteca di Città della Pieve meriterebbe…” Le lettere e i commenti dei lettori che riceviamo

La biblioteca di Città della Pieve meriterebbe un sostanzioso investimento per l’ampliamento degli spazi e ...