Chiusi: La Filarmonica celebra Santa Cecilia con un concerto al Teatro Mascagni. Il programma ha spaziato da musiche classiche a testi più moderni.

La Filarmonica Città di Chiusi ha offerto un sublime spettacolo di arpeggi e melodie danzando sulle note di brani classici e moderni in occasione del tradizionale concerto in onore della patrona dei musicisti Santa Cecilia. Il Concerto si è svolto nella suggestiva cornice del Teatro P. Mascagni gremito fino al terzo ordine di persone affezionate allo stile delicato dei concerti diretti dal Maestro Roberto Fabietti. Il programma ha spaziato da musiche classiche a testi più moderni fino a canzoni riconosciute di successo in tutto il mondo e che hanno fatto la fortuna della canzone leggera italiana. Ad arricchire il programma un intermezzo di particolare valore artistico tra il primo e il secondo tempo dove si sono esibite due diversi tipi di arte interpretati da grandi artisti del territorio.

   

 

La prima a calcare il palcoscenico del Mascagni è stata Benedetta Margheriti che ha danzato sulle note di “Perdere L’Amore” di Massimo Ranieri interpretata dalla tromba del Maestro Roberto Fabietti. Benedetta Margheriti, alla quale è stato donato anche un riconoscimento floreale, sarà la prima artista a dare il via alla stagione teatrale invernale della Fondazione Orizzonti d’Arte sabato 9 dicembre con “Oleanna” insieme a Gianni Poliziani. I secondi ospiti in scaletta sono stati i cantanti del gruppo musicale “Sette Ottavi” che dopo aver presentato, insieme al sindaco Juri Bettollini che ha salutato il pubblico e gli artisti, un CD natalizio prodotto e realizzato dal gruppo stesso con il patrocinio del Comune della Città di Chiusi hanno interpretato a “cappella” alcuni brani senza tempo della musica italiana e internazionale. “E’ stato un piacere – sottolinea il sindaco Juri Bettollini – partecipare al concerto che la Filarmonica Città di Chiusi ha dedicato a Santa Cecilia. La nostra città senza la Filarmonica perderebbe parte della propria essenza e per questo ringrazio tutti i musicisti e il Maestro Roberto Fabietti per l’impegno e la passione e per essere sempre presenti nei momenti importanti della nostra comunità. Allo stesso modo un ringraziamento è doveroso e sentito anche per Benedetta Margheriti che abbiamo avuto modo di scoprire al Festival Orizzonti e che presto la ritroveremo al debutto della stagione teatrale invernale con Oleanna e al gruppo dei Sette Ottavi perché ogni volta riescono a stupire con il proprio talento frutto di tanta passione e dedizione per la musica.

Un ringraziamento speciale al Presidente della Filarmonica Città di Chiusi Francesco Crezzini per il grande lavoro di coordinamento che compie ogni giorno, per lo spirito aggregativo, l’energia e l’entusiasmo che dimostra e anche per aver superato un momento di difficoltà causato da un brutto incidente. La Filarmonica e tutti gli artisti che abbiamo a Chiusi sono una ricchezza per la nostra città e l’amministrazione continuerà a dare tutto il proprio sostegno nel nome dell’arte e della bellezza.”

 

Riguardo a cecilia fattorini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Rock for life 2019: via alla XVII edizione Da Rkomi ai Punkreas il festival pievese è pronto per quattro serate con grandi concerti ad ingresso libero

Il 18 luglio sarà la data che darà il via ufficiale alla XVII edizione di Rock for Life e ...