Chiusi. Carbonizzatore. M5Stelle ” Ci troviamo sulla stessa lunghezza d’onda…” Precisazioni sull'"inchiesta pubblica" sul carbonizzatore di Acea Ambiente

Dopo la nostra precisazione il M5stelle ci ha inviato questa nota che pubblichiamo a seguire. Ci fa piacere trovare altri, ed in particolare forze politiche, sulla stessa lunghezza d’onda che intendiamo seguire nell’approfondimento di questo progetto. Riteniamo utili le integrazioni fornite sull’evoluzione di assetti societari che è sempre importante conoscere e sui servizi svolti. Non per ostracismo o provincialismo  territoriale e tanto meno per pregiudizi anti imprenditoriali, anzi, proprio per poter distinguere aziende responsabili da altre che lo sono meno. Che è un criterio fondamentale nell’attuale mercato, dove lo Stato regola poco. E dove i territori più emarginati hanno tanta fame di lavoro e di investimenti. Per la precisione Acea spa non è tutta in mano al capitale pubblico, ma da tempo vede la partecipazione, significativa , come è scritto nella nostra nota, di due soci importanti. I francesi di Suez, in particolare,  e Caltagirone. (g.f)

(Riceviamo e pubblichiamo) In base a quanto da Voi chiarito nella nota di accompagnamento alla nostra precisazione credo di dover specificare che in merito ci troviamo esattamente sulla stessa lunghezza d’onda. Non intendiamo operare pre-concettualmente quanto piuttosto andare ad analizzare i singoli elementi verificando se l’origine degli accadimenti specifici sia da riconnettersi ad ACEA Ambiente s.r.l. con sede in Terni piuttosto che nell’attività di direzione e controllo da parte di Acea s.p.a .

Poiché parliamo di Umbria abbiamo proprio a tal proposito indicato il termovalorizzatore di Terni e la discarica di Orvieto affinché si potesse esprimere un’opinione sulla loro gestione.

Per una maggior completezza di analisi specifichiamo inoltre che ACEA Ambiente di Terni ha acquistato le azioni di Bio-ecologia, con le 3 sedi di Chiusi , praticamente collocata nella stessa area “ex centro carni” , Buonconvento e Colle Val d’Elsa , per un valore azionario di € 2.382.427,61

La sede legale di Bio-Ecologia nel mese di maggio 2019 è stata trasferita a Terni , stessa sede di Acea Ambiente s.r.l., quindi possiamo dire che quest’ultima, con tale operazione , si è già insediata nel nostro territorio.

L’attività indicata per l’unità locale di Chiusi è “ depurazione rifiuti speciali conto terzi”. Trattasi di attività insalubre di prima classe posta praticamente in prossimità del centro abitato

Acea s.p.a risulta procuratore speciale di Acea Ambiente s.r.l.

Nello stesso mese di maggio si è provveduto alla modifica dell’oggetto sociale di Bio-ecologia , che si riporta per esteso per miglior valutazione a cosa intendiamo far riferimento:

“ARTICOLO 2

Oggetto

2.1 La Società ha per scopo le attività inerenti l’acquisizione, la

realizzazione e gestione degli impianti di depurazione. In particolare,

la Società potrà svolgere direttamente e/o indirettamente, tramite la

partecipazione a società di qualunque tipo, le seguenti attività:

  1. a) trattamento chimico-fisico e biologico di depurazione di rifiuti liquidi

non pericolosi, acque industriali, percolati e miscele di reflui

industriali, depurazione di acque reflue urbane;

  1. b) operazioni di stoccaggio, trattamento finalizzato al successivo

smaltimento e o recupero di fanghi di depurazione civili e industriali in

conto proprio e di terzi, anche tramite essiccamento o altra tecnologia

che consenta la riduzione di volumetrie e la inertizzazione dei fanghi;

  1. c) stoccaggio di rifiuti solidi e liquidi pericolosi e non pericolosi,

comprese le operazioni di ricondizionamento o miscele nelle forme e

nei modi consentiti dalla legge;

  1. d) intermediazione di rifiuti solidi e liquidi anche classificati come rifiuti

speciali, pericolosi e non pericolosi, nonché di fanghi civili ed industriali;

  1. e) trasporto di rifiuti solidi e liquidi classificati come rifiuti speciali,

anche pericolosi nonché di fanghi civili ed industriali;

  1. f) attività di ricerca e sperimentazione di nuove tecnologie o brevetti o

ogni altra innovazione connessa con le operazioni di trattamento e

gestione ai fini dello smaltimento e del recupero dei rifiuti;

  1. g) servizio analisi di laboratorio di ogni genere anche per conto terzi;
  2. h) progettazione, installazione e gestione di impianti alimentati a fonti

energetiche rinnovabili o non convenzionali, così come definite dalla

normativa vigente in materia (a titolo esemplificativo: fotovoltaici,

eolici, solari termini, biomasse, ecc.) e conseguente attività di

produzione di energia elettrica da tali fonti

.Considerato che Acea s.p.a è controllata al 100% da Comune di Roma, e quindi sostanzialmente in mano pubblica, che per la gestione rifiuti si avvale di Acea Ambiente s.r.l. , che con la cessione azionaria e l’assegnazione dell’area con il bando si è praticamente aperta la strada descritta con la modifica all’oggetto sociale e che il M5S nel proprio programma per i rifiuti pone come sostanziale la promozione dell’economia circolare ma a filiera corta , l’approfondimento in merito alla “filosofia” ed alla finalizzazione delle scelte operate e se queste possano dirsi effettivamente a vantaggio dei cittadini di quest’area (cosa che allo stato attuale non trasparirebbe) è anche di nostro principale interesse . Ben venga quindi l’analisi del maggior numero di dati possibili che possano individuare il disegno strategico pubblico e privato in attesa della pubblica inchiesta. Auspichiamo ed offriamo la massima collaborazione in proposito.

M5Stelle Chiusi

 

Riguardo a Gianni Fanfano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Compagnia Carabinieri di Città della Pieve. L’attività svolta in occasione del Ferragosto 2019. Comunicato stampa del Comando Provinciale Carabinieri Perugia

Il Ferragosto appena trascorso è stato “caldo” sia da un punto di vista climatico sia ...