Chianciano Terme. Iniziato il nuovo anno educativo al Nido di Infanzia comunale “Il Fiordaliso”. Assessore Laura Ballati: “Ripresa in sicurezza del servizio educativo in presenza e accesso allo stesso numero di bambini”.

(Comunicato stampa)

Da lunedì 7 settembre il Nido di Infanzia comunale “Il Fiordaliso” ha iniziato il nuovo anno educativo. I bambini ammessi sono stati in numero di 18. Nei giorni precedenti l’Assessore all’Istruzione Laura Ballati, insieme alle educatrici e alle ausiliarie della struttura, con la Responsabile dei Servizi Scolastici, aveva incontrato le famiglie per informarle delle indicazioni operative e i criteri di organizzazione assunti per l’anno educativo 2020-2021. Nell’occasione l’Assessore Ballati aveva affermato: “Occorre garantire la ripresa e lo svolgimento in sicurezza del servizio educativo in presenza assicurando sia i consueti tempi di erogazione, sia l’accesso allo stesso numero di bambini accolto secondo le normali capienze. Quest’anno, più che mai, abbiamo necessità della collaborazione delle famiglie al fine di garantire un progetto educativo orientato a sostenere il benessere e lo sviluppo integrale dei bambini, nel rispetto dei ritmi e degli stili individuali di crescita e sviluppo e, nel contempo, il rispetto delle previste misure di sicurezza”.

La lista di attesa presente nella graduatoria stilata è di venti bambini. E’ stato predisposto un apposito Avviso ai fini dell’individuazione di servizi educativi per la prima infanzia accreditati (3-36 mesi) presso i quali il Comune di Chianciano Terme potrà effettuare l’acquisto di posti bambino tramite stipula di successiva convenzione per l’anno educativo 2020/2021. L’Amministrazione comunale ha infatti deciso di utilizzare le risorse proprie di bilancio che andranno a liberarsi relative alla gestione diretta del servizio, a seguito del finanziamento regionale, per abbattere le rette di coloro che, non rientrando nei posti disponibili presso il Nido di Infanzia comunale “Il Fiordaliso” e dunque presenti nella lista di attesa della graduatoria comunale, si rivolgeranno presso i servizi educativi privati accreditati. L’abbattimento delle rette avverrà in base alla capacità economica di ciascun nucleo familiare e l’entità del beneficio risulterà pari alla differenza tra la retta applicata dal servizio educativo privato accreditato, per la stessa fascia oraria, e la quota spettante nel nido di infanzia comunale individuata in base all’ISEE e calcolata con i criteri di cui alla Deliberazione della Giunta comunale n. 203 del 24 dicembre 2019.

L’Assessore Ballati ha commentato: “La riapertura del Nido di Infanzia comunale rappresenta un obiettivo prioritario nella cornice generale delle azioni volte a ripristinare un quadro di opportunità educative che risponda ai diritti dei bambini e che tenga anche conto, in via complementare, delle esigenze di equilibrio fra responsabilità di cura e lavoro da parte dei genitori. Nel contempo, durante l’emergenza sanitaria, dovrà essere posta ogni opportuna attenzione ai requisiti di sicurezza sanitaria. Inoltre, con l’Avviso alle strutture educative della Valdichiana Senese, con priorità a quelli operanti nel comune di Chianciano Terme abbiamo voluto garantire la stessa opportunità educativa ai bambini e alle bambine del territorio”.

 

Riguardo a antoniodellaversana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Chianciano Terme. Sospensione attività didattiche e sportive extrascolastiche. Questa mattina il Comune emette le ordinanze di sospensione fino al 4 ottobre 2020.

(Comunicato stampa) L’Amministrazione comunale di Chianciano Terme, sulla base della situazione sanitaria in corso dovuta ...