Castiglione. Progetto Democratico “Condividiamo analisi e finalità enunciate da “Umbria dei Territori” "Abbiamo la presunzione di tornare ad indicare il modello Castiglione del Lago"

(riceviamo e pubblichiamo) Quando la politica abdica al proprio ruolo e fugge dalle responsabilità che le competono, emergono meccanismi distorsivi, gruppi di pressione e personalismi. Progetto Democratico valuta con preoccupazione quanto avviene in Umbria ed in particolare nello schieramento di centrosinistra alla ricerca di un candidato alla presidenza della Regione, quasi prescindendo da un esame di cause, conseguenze e azioni politiche necessarie a risollevare l’Umbria dalle sue gravi difficoltà.

A meno di 2 mesi dalle elezioni, necessarie per le note e penose vicende giudiziarie, abbiamo la presunzione di tornare ad indicare il modello Castiglione del Lago: condivisione di criticità esistenti, programmi necessari per affrontarle, individuazione del candidato legato al programma. Siamo ben consapevoli dello stato attuale e delle candidature prospettate, delle fughe in avanti e dei pronunciamenti avvenuti o in corso, tutto questo deve, a nostro giudizio, essere ricondotto ad una visione unitaria affinché la nostra Regione, nonostante gli errori commessi dalla sua classe dirigente possa vedere un futuro di progresso e non cedere ad una destra intollerante o reazionaria.

Dopo 10 anni di pratica seria e appassionata del civismo a Castiglione del lago, ritenendolo necessario e indispensabile per il rinnovamento dello schieramento progressista, condividiamo analisi e finalità enunciate da “Umbria dei Territori”, ci impegniamo affinché, fino all’ultimo, vengano messe a disposizione di una soluzione unitaria. È il tempo di generosità e lungimiranza politica. Abbiamo un patrimonio da difendere e valorizzare, quella della condivisione delle forze civiche di progresso nel nostro territorio.

Stefano Nuccioni. –Progetto Democratico.

 

 

Riguardo a Gianni Fanfano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Chiusi. Impianto Acea. L’Inchiesta pubblica si avvia verso il No. Ma intanto la Regione ed il Ministero “si propongono di finanziare” il progetto.

Terzo  round ieri sera in un Mascagni, stracolmo che conteneva sicuramente almeno le quasi quattrocento  ...