Castiglione. Briziarelli “La forza della Lega parte proprio dal lavoro sui territori”. Castiglione del Lago: Ad un anno dalle elezioni politiche la Lega traccia un bilancio

 

(Comunicato stampa) Ad un anno dalle elezioni politiche che hanno visto la Lega trionfare in Umbria, il Senatore Luca Briziarelli assieme al deputato Riccardo Augusto Marchetti, al consigliere regionale Valerio Mancini e al responsabile territoriale Paolo Terrosi, ha incontrato i cittadini del Trasimeno nei locali del “Club Velico” di Castiglione del Lago. Un’occasione per illustrare alla popolazione le cose fatte e da fare a livello governativo e per parlare di idee e progetti per Castiglione e per Trasimeno nel suo complesso, una risorsa da valorizzare che “Purtroppo nel tempo – dicono gli esponenti Leghisti – è stata via via trascurata senza cogliere e sviluppare quelle che sono le sue reali potenzialità culturali, turistiche e ambientali”.

“La forza della Lega parte proprio dal lavoro sui territori – sottolineano Briziarelli, Marchetti e Mancini – Lunedì è stata la giusta occasione per tracciare un bilancio dell’attività svolta in questo anno a livello nazionale e per presentare nuovi progetti a livello locale, ascoltando le esigenze reali della popolazione anche in vista delle comunali di Maggio e delle Regionali del prossimo anno”.

Nel corso dell’incontro è stato proprio il Senatore Briziarelli ad affrontare due temi di scottante attualità per il Trasimeno, i servizi sanitari locali, in particolare le questioni del 118 e dell’ospedale Unico ed il Parco Regionale sottolineando che “le regole ad esso connesse non devono limitare la possibilità di utilizzo di un’area importante come quella dell’ex aeroporto – ha spiegato – per troppo tempo sotto utilizzata e che invece potrebbe rappresentare un volano per il comparto turistico”.

Il responsabile locale Paolo Terrosi si è soffermato sulla necessità di dare il giusto sostegno e sviluppo alle imprese del territorio “Per favorire l’occupazione anche giovanile. Auspichiamo con forza per i comuni del Trasimeno, prossimi al voto, un cambiamento. La lontananza del Pd dalle reali esigenze cittadini è evidente e non possono essere certo le amministrazioni di sinistra a risolvere i problemi che hanno contribuito a creare”.

Riguardo a Gianni Fanfano

5 commenti

  1. Sono molto contenta se si riuscisse a far passare due treni al giorno per la stazione di Chiusi ,io e so che sarebbe una ventata di opportunità anche per chi viaggia poco e una boccata d’ossigeno per l’economia per tutto il territorio ringrazio le persone che si stanno interessando per il problema ,invito Sidaci e. Chi. Ha. delle responsabilità di essere presenti e partecipare alla riuscita Anna Stefani

  2. luciano fiorani

    Assolutamente condivisibile quello che afferma il signor Orefice (che non conosco). “Di qua e di la dal fosso”, ovviamente, la situazione è identica.
    Quanto ai due treni alta velocità visti semplicisticamente come il toccasana della nostra emarginazione nei collegamenti ferroviari, fa un po’ ridere.
    Due treni veloci contro l’isolamento? E quali sarebbero le mete raggiungibili e in che orario?
    Insomma siamo, come al solito, alle suggestioni. I problemi accumulati sono ormai di tale portata che siamo ridotti ad affidarci ai detti della saggezza popolare, secondo cui, ogni meglio è meglio.
    Ma più in la non si va.

  3. Rodrigo

    La risalita del poggio fa ridere tutti ad esclusione dell’amministrazione stessa, un pulman elettrico sarebbe buona cosa, ma non soltanto per portare gente dal basso al centro, Batino dovrebbe fare uno studio anche delle frazioni e fare un pulmino che passi per esse in virtù alle esigenze, conosco persone che pagano 30 o 40 euro a colpo da Porto a Castiglione del lago perché devono fare una visita.

  4. Paolo Scattoni

    È una situazione del tutto paradossale. Invece di pensare un collegamento veloce da Perugia ad Arezzo e da Perugia a Chiusi nell’arco della giornata si spende una cifra incredibile. Parlo di collegamenti Perugia-Arezzo e Perugia-Chiusi perché da Arezzo e da Chiusi si potrebbero “agganciare” l’alta velocità. Un tempo si parlava di un collegamento Perugia Chiusi con un investimento minimo (la famosa proposta di Panettoni di alcuni anni fa) si sarebbe potuto avere un collegamento al di sotto dei 30 minuti.

  5. remo

    Non ci sono commenti per questa “cena”conviviale di personalita’ che dovrebbero andare a fare meno danni altrove ed invece ancora pontificano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Castiglione. Burico. “Lavoro e occupazione nell’area del Trasimeno” e incontro con le candidate del PD

(AKR) Un giovedì di incontri per le liste della coalizione di Matteo Burico nel capoluogo ...