Batino sulla coop Stella del Lago “Impotenti ma non indifferenti” Una nota del Sindaco di Castiglione dopo il nostro articolo

Dopo il nostro articolo di ieri sulla situazione della cooperativa “Stella del Lago”di Panicarola,  il sindaco di Castiglione del Lago,  Sergio Batino, ci ha inviato prontamente questa nota in cui precisa e riprende i problemi sollevati. (n.d.r)

In questi anni, abbiamo sempre seguito le vicende della Coop. Stella del Lago per sostenerne le necessità e siamo riusciti insieme a trovare soluzioni per alcuni problemi, quali:

– la regolarizzazione della struttura dell’edificio e la definizione dei rapporti di concessione con il Demanio;

– in collaborazione è stato definito un progetto di massima per l’allevamento del pesce nella località di Panicarola che stiamo cercando, anche insieme a Coldiretti, di promuovere ed individuare possibili canali di finanziamento.

E’ vero, la questione ambientale nonostante le sollecitazioni non è stata risolta ed è il tipico esempio delle esigenze del lago, dragaggio continuo davanti ai fossi e per le darsene, manutenzione ordinaria delle sponde.

Non più quindi, interventi occasionali per i quali avere permessi diventa un’impresa ad ostacoli se non impossibile, ma un intervento stabile che consenta a tutti i soggetti dalla pesca alla vela ecc.. di praticare con regolarità le loro attività.

Speriamo intanto che con le risorse straordinarie che dovrebbero essere messe a disposizione, tramite la Regione, si possa nella primavera del prossimo anno garantire ai pescatori di Panicarola la normalità del loro lavoro, come di poter intervenire su tante altre situazioni di degrado.

Rimane l’esigenza di una legge nazionale che consenta uno stabile intervento sul lago e sulle sponde, della quale invitiamo tutti a farsi carico.

Cercheremo, comunque, dal prossimo anno con l’acquisizione della delega da parte dell’Unione dei Comuni, oggi in capo alla Provincia, di rendere più attenta e vicina la nostra presenza agli operatori per costruire insieme il futuro della pesca sul Lago Trasimeno

Sergio Batino

Riguardo a redazione

5 commenti

  1. Sono molto contenta se si riuscisse a far passare due treni al giorno per la stazione di Chiusi ,io e so che sarebbe una ventata di opportunità anche per chi viaggia poco e una boccata d’ossigeno per l’economia per tutto il territorio ringrazio le persone che si stanno interessando per il problema ,invito Sidaci e. Chi. Ha. delle responsabilità di essere presenti e partecipare alla riuscita Anna Stefani

  2. luciano fiorani

    Assolutamente condivisibile quello che afferma il signor Orefice (che non conosco). “Di qua e di la dal fosso”, ovviamente, la situazione è identica.
    Quanto ai due treni alta velocità visti semplicisticamente come il toccasana della nostra emarginazione nei collegamenti ferroviari, fa un po’ ridere.
    Due treni veloci contro l’isolamento? E quali sarebbero le mete raggiungibili e in che orario?
    Insomma siamo, come al solito, alle suggestioni. I problemi accumulati sono ormai di tale portata che siamo ridotti ad affidarci ai detti della saggezza popolare, secondo cui, ogni meglio è meglio.
    Ma più in la non si va.

  3. Rodrigo

    La risalita del poggio fa ridere tutti ad esclusione dell’amministrazione stessa, un pulman elettrico sarebbe buona cosa, ma non soltanto per portare gente dal basso al centro, Batino dovrebbe fare uno studio anche delle frazioni e fare un pulmino che passi per esse in virtù alle esigenze, conosco persone che pagano 30 o 40 euro a colpo da Porto a Castiglione del lago perché devono fare una visita.

  4. Paolo Scattoni

    È una situazione del tutto paradossale. Invece di pensare un collegamento veloce da Perugia ad Arezzo e da Perugia a Chiusi nell’arco della giornata si spende una cifra incredibile. Parlo di collegamenti Perugia-Arezzo e Perugia-Chiusi perché da Arezzo e da Chiusi si potrebbero “agganciare” l’alta velocità. Un tempo si parlava di un collegamento Perugia Chiusi con un investimento minimo (la famosa proposta di Panettoni di alcuni anni fa) si sarebbe potuto avere un collegamento al di sotto dei 30 minuti.

  5. remo

    Non ci sono commenti per questa “cena”conviviale di personalita’ che dovrebbero andare a fare meno danni altrove ed invece ancora pontificano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

“Archivio Pievese”. Giugno 1974. 45 anni fa. Torna il giornale “Pieve Nostra”. Mario Barzanti eletto presidente della Turistica Due momenti della storia pievese degli anni "settanta"

Sono passati 45 anni, da quel giugno del 1974. Fu un anno pieno di fatti ...