Appuntamento con un libro su una morte ancora tutta da chiarire Venerdì 23 Febbraio ore 17 "Appunti su Marco" di Luciana Scattoni

Ho conosciuto più da vicino Luciana Scattoni solo dopo che sono entrato a far parte del direttivo della Libuni, di cui lei è uno dei membri più attivi. Ma non mi ero accorto per nulla del dolore inimmaginabile che si portava dentro. Quel dolore di cui ha scritto nel suo libro “Appunti su Marco” e che verrà presentato nel prossimo appuntamento dei “Venerdì della Biblioteca”.

E’ la storia e le riflessioni di una madre, ma anche di una cittadina, dopo la morte del figlio Marco, catalogata come suicidio dagli organi competenti, ma ancora tutta da chiarire, a parere di molti, me compreso, circa le cause e le circostanze.

Una storia  per tanta parte “nostra”, come terra, questa terra che sta nel ristretto fazzoletto tra Chiusi, Castiglione e Città della Pieve, dove vivono ed hanno lavorato i genitori di Marco.

Marco Massinelli aveva nel 2012, quando è morto, soltanto ventisei anni ed era maresciallo dei Carabinieri, in servizio presso la Caserma di Pegognaga, un piccolo paese nel mantovano, ai confini con il modenese, ma  zona molto ricca dove pesa molto la zootecnia e la produzione di latte per il parmigiano in particolare.

Marco era ancora in licenza, a Castiglione del Lago, dopo un viaggio insieme ad alcuni amici fatto a Miami negli Stati Uniti, quando in piena notte decide di tornare a Pegognaga, nascondendo a tutti che la ripresa del servizio sarebbe stata due giorni dopo. Va in Autostrada fino al suo luogo di lavoro e poi, nella notte comincia a tornare indietro lungo la Via Emilia, arriva fino a Bologna, prende la strada che sale verso gli Appennini,verso il Passo della Futa,  in direzione sud e la risale fino a Firenzuola, in Toscana, provincia di Firenze, dove il corpo privo di vita viene ritrovato cadavere in mezzo ad un bosco, ucciso da un colpo di pistola. Sette giorni dopo la sua scomparsa. Per la magistratura e per gli stessi Carabinieri, non ci sono dubbi, si tratta di suicidio.

Ma fra quanti conoscono Marco, fra, colleghi, amici e parenti,  nessuno riesce a spiegare i motivi di quell’eventuale gesto.

Le indagini vengono subito chiuse ed il caso archiviato. Da allora più nulla. Più nulla ed indagini chiuse benchè non vi fosse nessuna traccia delle cause, nessun suo segnale a riguardo, benchè nel giro di pochi giorni a poca distanza di chilometri, nella stessa zona dove fu trovato il cadavere di Marco, si “suicidarono” senza apparente motivo altri due giovani carabinieri. Chiuse le indagini, nonostante Marco, nel suo viaggio, a ritroso verso l’Appennino toscano, avesse chattato per diverso tempo al computer, che verrà ritrovato molto tempo dopo, pressoché inutilizzabile, e prima di chiudere il profilo facebook avesse postato una canzone dei Pink Floyd che nel testo dice “…non ho paura di morire”. Paura di morire perché deciso a farlo, come probabilmente hanno interpretato gli inquirenti, o paura di morire perché si va verso un appuntamento a rischio, ma decisi a farlo, per coraggio o per necessità appunto? Questo interrogativo,  a quanto pare,  non è stato minimamente affrontato.

Chiuse le indagini anche fu segnalata, non nel libro,  anche una relazione che Marco aveva avuto, sul piano sentimentale, e che lo avevano portato indirettamente, a contatto,  con persone non proprio raccomandabili.

Luciana scrive di questo inestricabile rovello, di questa perdita, di questa ricerca di verità, ma anche di una ricerca di giustizia. Che non si può negare, in quanto ricerca di giustizia,  a nessuno, tanto meno ad un figlio. Un “doveroso commento” come lei lo chiama.

E Luciana, tra l’altro, scrive bene. Rivelando a mio avviso, nel procedere doloroso del suo racconto e della sua introspezione,  anche un talento sorprendente di scrittrice.

Ci sono quindi tutte le condizioni per partecipare a questo appuntamento con lei,  con il suo libro, con suo figlio, con questa morta ancora non chiarita. Testimoniando l’interesse e la vicinanza  da amici, ma anche da cittadini.

(g.f)

 

Riguardo a Gianni Fanfano

5 commenti

  1. Sono molto contenta se si riuscisse a far passare due treni al giorno per la stazione di Chiusi ,io e so che sarebbe una ventata di opportunità anche per chi viaggia poco e una boccata d’ossigeno per l’economia per tutto il territorio ringrazio le persone che si stanno interessando per il problema ,invito Sidaci e. Chi. Ha. delle responsabilità di essere presenti e partecipare alla riuscita Anna Stefani

  2. luciano fiorani

    Assolutamente condivisibile quello che afferma il signor Orefice (che non conosco). “Di qua e di la dal fosso”, ovviamente, la situazione è identica.
    Quanto ai due treni alta velocità visti semplicisticamente come il toccasana della nostra emarginazione nei collegamenti ferroviari, fa un po’ ridere.
    Due treni veloci contro l’isolamento? E quali sarebbero le mete raggiungibili e in che orario?
    Insomma siamo, come al solito, alle suggestioni. I problemi accumulati sono ormai di tale portata che siamo ridotti ad affidarci ai detti della saggezza popolare, secondo cui, ogni meglio è meglio.
    Ma più in la non si va.

  3. Rodrigo

    La risalita del poggio fa ridere tutti ad esclusione dell’amministrazione stessa, un pulman elettrico sarebbe buona cosa, ma non soltanto per portare gente dal basso al centro, Batino dovrebbe fare uno studio anche delle frazioni e fare un pulmino che passi per esse in virtù alle esigenze, conosco persone che pagano 30 o 40 euro a colpo da Porto a Castiglione del lago perché devono fare una visita.

  4. Paolo Scattoni

    È una situazione del tutto paradossale. Invece di pensare un collegamento veloce da Perugia ad Arezzo e da Perugia a Chiusi nell’arco della giornata si spende una cifra incredibile. Parlo di collegamenti Perugia-Arezzo e Perugia-Chiusi perché da Arezzo e da Chiusi si potrebbero “agganciare” l’alta velocità. Un tempo si parlava di un collegamento Perugia Chiusi con un investimento minimo (la famosa proposta di Panettoni di alcuni anni fa) si sarebbe potuto avere un collegamento al di sotto dei 30 minuti.

  5. remo

    Non ci sono commenti per questa “cena”conviviale di personalita’ che dovrebbero andare a fare meno danni altrove ed invece ancora pontificano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Lotta allo spaccio. Un arresto a Castiglione del Lago ARRESTATO UN 39ENNE TROVATO IN POSSESSO DI COCAINA

Le attività di contrasto al fenomeno del consumo e spaccio di sostanze stupefacenti, che tutti ...