Appello di un gruppo di giovani pievesi “Un manifesto di futuro per Città della Pieve” In vista delle prossime elezioni amministrative

(Riceviamo e pubblichiamo)

Gentile Direttore,
siamo un gruppo di giovani cittadini di Città della Pieve.
La contattiamo per chiederLe di pubblicare il nostro Appello in previsione delle prossime Amministrative di giugno 2019.
Qui sotto trova l’appello, corredato dalle firme, e le alleghiamo il manifesto di valori da pubblicare come foto da corredare all’appello, sia se lo pubblichera’ come articolo o come post di Facebook.
Cordiali saluti.

UN MANIFESTO DI FUTURO PER CITTÀ DELLA PIEVE

In questi mesi, molti di noi, molti Pievesi, si sono chiesti come poter dare a Città della Pieve un NUOVO futuro.
NUOVO non nel senso puramente anagrafico del termine.
NUOVO come OPPORTUNITÀ diverse di sviluppo economico, politico, culturale e sociale.
NUOVO come ALTERNATIVA ad un immutato e stantio status quo.
La nostra Città vive un momento di grande decadenza politica, economica e culturale: è sotto gli occhi di tutti.
Governare non è facile e in una situazione come quella che stiamo vivendo è ancora più evidente che senza capacità, idee, visione di futuro e prospettive, la nostra realtà continuerà a perdere servizi importanti ed essere subalterna a realtà relativamente limitrofe.
Sappiamo che, in una fase come questa, dove riemergono i personalismi, continuando a logorare un tessuto civile cittadino già sfibrato, ma che ancora fortunatamente si regge grazie al valore del volontariato, è ancora più complicato per un cittadino di buona volontà metterci la faccia.
Se giovane ancor di più.
Il perché?
Il clima in questi anni è stato, spesso, irrespirabile.
Divisioni, ottusità, incapacità di dialogo che hanno reso ancora più evidente la frattura sociale della nostra Comunità.
Non sarà arrivato il momento di deporre le armi per il bene di Città della Pieve?
Città della Pieve e tutto il suo territorio, per natura e storia, è essa stessa protagonista e artefice di molte risposte che l’hanno resa punto di “orientamento” per coloro che ci sono nati e per quelli che l’hanno scelta e ne hanno vissuto le memorie, gli scambi di parole, le emozioni, il tempo ed i saperi.
In un passato, nemmeno troppo lontano, molti Pievesi hanno contribuito a dare risposte, a fare emergere la responsabilità della città che non lascia nessuno da solo: che cura, istruisce, governa e col bello dell’arte solleva gli animi.
Ci siamo chiesti se oggi Città della Pieve è ancora in grado di dare questa risposta di responsabilità e credibilità a chi, a diverso titolo, la vive perchè ci sembra che accanto ai molti tasselli che sopravvivono, altri mancano, o – peggio ancora – sono impolverati.
È dunque possibile restituire a Città della Pieve la sua responsabilità a dare risposte?
La nostra risposta è SI.
Proviamo, per non arrenderci all’evidenza, a dare idee e a condividerle con tutti coloro che già si impegnano e vogliono impegnarsi per la nostra comunità.
Il nostro è un semplice Appello alla comunità: l’auspicio per la formazione di una lista civica con competenze e capacità a servizio di tutti i cittadini, meno arroccata sulle posizioni asfittiche di partito è l’unica alternativa al solito “SISTEMA POLITICO” consolidato da anni.
UN PATTO CIVICO che metta insieme energie, generazioni, che non escluda nessuno ma si apra a tutti.
Una campagna elettorale pulita e onesta, dove prevalgano le migliori idee sul piatto e dove una stretta di mano pubblica valga come un RECIPROCO RISPETTO DELLE DIFFERENTI POSIZIONI.
Una campagna elettorale in cui il programma sia snello, chiaro e REALIZZABILE: è arrivato il momento di guardare i cittadini negli occhi e non promettere la luna.
Questi sono solo alcuni punti su cui vorremmo che la nuova Amministrazione e i candidati focalizzino la propria attenzione, sui quali daremo il nostro contributo, limitatamente alle nostre conoscenze e capacità.
Abbiamo iniziato a toccare solo alcuni punti per lo sviluppo di Città della Pieve e per avviare un dibattito consapevole per costruire insieme un MANIFESTO PER IL FUTURO DELLA CITTA’.

FIRMATARI IN ORDINE ALFABETICO:

Aureggi Flaminia
Bazzotti Nicola
Caciotto Francesco
Caiella Laura
Camerota Tatiana
Ciana Mirko
D’ubaldo Serena
Fiacconi Gaetano
Legittimo Costanza
Lucacchioni Chiara
Macchioni Sabina
Marchegiani Luca
Marini Miriam
Massarotti Mario
Parretti Andrea
Rampi Matteo
Rapicetti Maria Paola
Rinalducci Rebecca
Rinalducci Riccardo
Selva Lara
Selva Stefano
Saravalle Nico
Spinelli Giovanna
Tavoletta Gaetano
Testa Giacomo
Torzuoli Fabio

Riguardo a redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Umbria dei Territori “Fuori dai vecchi schemi” Sabato 24 alle ore 10.00 a Todi, presso Hotel Europalace assemblea costituente

Il dibattito politico ragionale, in previsione della imminente tornata elettorale, continua ad avvitarsi su se ...