Ad Orvieto, Sindaci contro l’emergenza clima. La petizione di Cittaslow "Combattere l'emergenza climatica e ambientale."

Combattere l’emergenza climatica e ambientale. E’ questo lo spirito della petizione approvata all’unanimità da oltre 350 sindaci di ‘Cittaslow‘, la rete mondiale delle città del ‘buon vivere’, nata a Orvieto nel 1999.

I cardini di questa rete – che riunisce 30 Paesi diversi e rappresenta circa 25 milioni di cittadini – vanno dall’economia circolare alla resilienza ambientale e sociale, dalla responsabilità sociale al rispetto dei saperi tradizionali alla difesa della biodiversità. Ora, per il 2019 e il 2020 “i primi campi” su cui intervenire – viene spiegato – sono “l’energia, i trasporti e lo stop alla plastica”. Cittaslow fa presente come non possa esserci “futuro di qualità per le prossime generazioni senza una rapida presa di coscienza della crisi ambientale e l’adozione dei conseguenti atti amministrativi e operativi”; e come “dal territorio e dalle città”, possa arrivare “la risposta più concreta ed efficace, che supera i confini degli Stati, e contribuisce a migliorare il Pianeta”.

“Tutti sappiamo – osserva il presidente di Cittaslow, il sindaco di Pollica Stefano Pisani – che l’ecosistema terrestre e la nostra stessa sopravvivenza sono a rischio a causa di inascoltati appelli sul Pianeta. L’emergenza climatica obbliga i sindaci a promuovere un impegno straordinario all’interno delle amministrazioni comunali e delle singole comunità per arginare i cambiamenti climatici e lo squilibrio in atto a livello ambientale”.

 

Riguardo a Gianni Fanfano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Niente contraddittorio in Regione Toscana il 9 marzo per la Centrale in Val di Paglia. Verso l’inchiesta pubblica.

Sorgenia chiede alla Regione Toscana un rinvio di 180 giorni. Ecosistema Val d’Orcia dice “ora avanti con determinazione verso l'inchiesta pubblica. alle popolazioni non puo’ essere negato il diritto alla consapevolezza e alla trasparenza”