A Città della Pieve premiata la solidarietà tra i giovani

È giunto al suo sesto anno il Premio Solidarietà “Una rosa… rinascerà” voluto da Franco Pilato, un pievese che, in carrozzella da giovane per un incidente automobilistico, ha raccontato la sua esperienza sollecitato da Chiara Cottini, psicologa di A.L.I.Ce., Associazione per la  Lotta all’Ictus Cerebrale di Città della Pieve, quando fu colpito anche dall’ictus. Il suo scritto è diventato un libro “Una rosa… rinascerà” appunto, pubblicato e presentato, con grande successo di pubblico, nel 2016. I proventi della sua vendita e il contributo annuale garantito da Allianz Assicurazione, dove Franco ha lavorato per anni, sono andati all’allestimento di un’aula di primo soccorso all’Istituto Comprensivo “Pietro Vannucci” e all’istituzione di questo premio che, sfidando la pandemia, viene assegnato ogni anno dal 2017.

Quest’anno ai due premi consuetudinari per alunni che si sono distinti, nel corso dell’anno, per atti di solidarietà, se ne è aggiunto uno che coniuga il rendimento scolastico e l’altruismo.

Il bando, gestito da  A.L.I.Ce. locale, quest’anno ha messo in palio 600 euro, 200 per ogni vincitore.

Ai premiati oltre l’assegno e l’attestato viene consegnata una copia del  libro di Franco ed una rosa bianca.

Sabato 28 maggio, nell’aula magna dell’Istituto “Vannucci” la premiazione alla presenza del Dirigente Scolastico prof.ssa Caterina Marcucci, del Sindaco Fausto Risini, del Presidente di A.L.I.Ce. Guerrino Bordi e naturalmente di Franco Pilato.

La Dirigente loda l’iniziativa ringraziando chi ha voluto e chi ha reso possibile questo riconoscimento che premia meritatamente gli studenti che hanno dato prova di  essere spinti da sentimenti altruistici e solidali, di essere dotati di particolare sensibilità ed empatia. Il Capo d’Istituto dichiara la propria emozione nell’assegnare i premi e si congratula con i ragazzi e le rispettive famiglie.

L’intervento del Sindaco evidenzia il profondo valore umano e civile di Franco che spesso è da stimolo alla stessa Amministrazione. Ricorda l’ultima iniziativa da lui caldeggiata, la piantumazione, da parte del Comune, di un albero per ogni neonato, richiesta che è in dirittura di arrivo tanto che sono già state individuate quattro aree, una per il capoluogo e una per ciascuna delle tre frazioni. Passa poi ad elogiare la fattiva collaborazione con la scuola, e ricorda ai ragazzi l’importanza della solidarietà, stimolandoli ad essere da esempio.

Il Presidente di A.L.I.Ce., prima di procedere alla premiazione, ricorda il rapporto che lega Franco all’Associazione, esprime gratitudine per la scuola e ringrazia i ragazzi di cui esalta l’impegno sociale e scolastico  e si complimenta con le famiglie dei premiati.

Alla presenza di parenti, compagni, insegnanti, rappresentanti di A.L.I.Ce. si procede alla lettura, per ogni premiato, delle motivazioni incisive e profonde del Collegio dei Docenti, quindi si passa alla consegna dell’assegno, dell’attestato, del libro “Una rosa… rinascerà” e del fiore.

I premiati: Giovanni Abdo – classe 2A scuola Primaria di Città della Pieve, Ambra Giannotti – classe 2B scuola Secondaria di Primo Grado, Aurora Baldoni – classe 2^C scuola Secondaria di Primo Grado, emozionati e un po’ imbarazzati per le attenzioni nei loro confronti, ringraziano.

Una iniziativa che ha lo scopo di riconoscere meriti e stimolare emulazione.

Al prossimo anno scolastico, certi che l’esempio sia il miglior maestro di tutti i tempi.

 

 

 

 

Riguardo a redazione

Controlla anche

“VIVICHIANCIANO 2022” entra nel vivo

Nei primi due week end di luglio prende il via l’iniziativa VIVICHIANCIANO nata per raccontare ...