210 piloti a Gioiella per la prima del Campionato Umbro Marchigiano CAMPIONATO REGIONALE UMBRO-MARCHIGIANO 2019 (prima prova)

 Si è aperta al Crossodromo Vinicio Rosadi di Gioella di Castiglione del Lago la stagione motocrossistica 2019, ad aprire le danze la prima prova delle sei in calendario del Campionato Umbro-Marchigiano, con i piloti ospiti che hanno vinto tutte le classi in palio. A fare la differenza il numero molto più elevato di iscritti marchigiani ma anche un tasso tecnico e agonistico sicuramente superiore che evidenzia il momento non felicissimo dei piloti umbri, in particolare nelle categorie promozionali.

Sul podio solo due piloti umbri, il portacolori del Moto Club Scorpioni di Marsciano Alessio Amadio giunto secondo Expert MX1 e il tifernate Manuel Baruffa fra i Rider MX2. Sono state proprio queste due classi a dare maggiore soddisfazione ai colori umbri, infatti nella classe regina degli Expert, per la cronaca dominata dal maceratese Denni Del Federico, oltre al secondo posto di Amadio va segnalato il quinto assoluto dell’altro umbro Andrea Leonesi, a punti anche Andrea Bianchi.

Come detto, piazza d’onore nei Rider MX2, dietro al vincitore Arsenio Fausti per Baruffa, ma bella prova dei corregionali Lorenzo Gianmaria e Luca Buzzicotti, rispettivamente quinto e settimo.

Fuori dal podio per un soffio e quindi miglior umbro della Expert MX2 per Eugenio Carletti, questa classe è stata letteralmente dominata dal pesarese Lorenzo Levantesi che ha stravinto entrambe le manche.

Da evidenziare anche il sesto posto assoluto nella classe Elite, la più performante di tutte quelle scese in pista in questa circostanza, del folignate Gianfranco Mattara che dopo un ottima gara uno non è riuscito a ripetersi nella successiva, perdendo così la possibilità di salire sul podio, qui la vittoria è andata all’ascolano Gianmarco Cenerelli dominatore di entrambe le manche.

Nelle altre classi si sono imposti Thomas Baioni che ha realizzato una doppietta nella Challenge MX1, di Giuseppe Prearsi e Graziano Peverieri rispettivamente nella Vetarn MX1 e MX2, in queste ultime due categorie i migliori umbri sono risultati Tiziano Lorenzini e Mauro Grassini.

Infine la giovanissima laziale Beatrice Cimarra, in gara come ospite, ha vinto la classe Femminile, davanti alle marchigiane Claudia Paradisi e Ilaria Turrini, la migliore umbra è stata Federica Piantamori settima assoluta.

La gara è stata, come di consueto, perfettamente organizzata dal Moto Club Trasimeno che fra due settimane ospiterà la seconda prova del tricolore Senior e Femminile, anche in questa circostanza saranno oltre 200 piloti, molti dei quali con esperienze internazionali, in particolar modo molto attesa la pluricampionessa mondiale Chiara Fontanesi, la prima donna italiana ad aggiudicarsi un titolo iridato nel mondo del motociclismo.

Purtroppo si sono verificati anche alcuni incidenti che hanno costretto quattro piloti a ricorrere al pronto soccorso per sospette fratture alle spalle a alle gambe. Dopo un primo ricovero all’ospedale castiglionese sono stati tutti trasferiti al Silvestrini di Perugia.

                                                                                                                                          

Moto Club Trasimeno “G.Capecchi”

 

Ufficio Stampa

 

 

Riguardo a Gianni Fanfano

5 commenti

  1. Sono molto contenta se si riuscisse a far passare due treni al giorno per la stazione di Chiusi ,io e so che sarebbe una ventata di opportunità anche per chi viaggia poco e una boccata d’ossigeno per l’economia per tutto il territorio ringrazio le persone che si stanno interessando per il problema ,invito Sidaci e. Chi. Ha. delle responsabilità di essere presenti e partecipare alla riuscita Anna Stefani

  2. luciano fiorani

    Assolutamente condivisibile quello che afferma il signor Orefice (che non conosco). “Di qua e di la dal fosso”, ovviamente, la situazione è identica.
    Quanto ai due treni alta velocità visti semplicisticamente come il toccasana della nostra emarginazione nei collegamenti ferroviari, fa un po’ ridere.
    Due treni veloci contro l’isolamento? E quali sarebbero le mete raggiungibili e in che orario?
    Insomma siamo, come al solito, alle suggestioni. I problemi accumulati sono ormai di tale portata che siamo ridotti ad affidarci ai detti della saggezza popolare, secondo cui, ogni meglio è meglio.
    Ma più in la non si va.

  3. Rodrigo

    La risalita del poggio fa ridere tutti ad esclusione dell’amministrazione stessa, un pulman elettrico sarebbe buona cosa, ma non soltanto per portare gente dal basso al centro, Batino dovrebbe fare uno studio anche delle frazioni e fare un pulmino che passi per esse in virtù alle esigenze, conosco persone che pagano 30 o 40 euro a colpo da Porto a Castiglione del lago perché devono fare una visita.

  4. Paolo Scattoni

    È una situazione del tutto paradossale. Invece di pensare un collegamento veloce da Perugia ad Arezzo e da Perugia a Chiusi nell’arco della giornata si spende una cifra incredibile. Parlo di collegamenti Perugia-Arezzo e Perugia-Chiusi perché da Arezzo e da Chiusi si potrebbero “agganciare” l’alta velocità. Un tempo si parlava di un collegamento Perugia Chiusi con un investimento minimo (la famosa proposta di Panettoni di alcuni anni fa) si sarebbe potuto avere un collegamento al di sotto dei 30 minuti.

  5. remo

    Non ci sono commenti per questa “cena”conviviale di personalita’ che dovrebbero andare a fare meno danni altrove ed invece ancora pontificano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Città della Pieve. GF Bassa Valdichiana. Splendidi risultati per LarisBike e ProLoco Ponticelli. Nella sesta edizione della gara di mountain bike

(comunicato stampa) GF BassaValdichiana: va agli archivi la sesta edizione della gara di mountain bike ...