150 giovani musicisti invadono Passignano sul Trasimeno 19 maggio, Passeggiata Musicale organizzata dalla Scuola di Musica del Trasimeno

(riceviamo e pubblichiamo). Un piccolo esercito di giovani musicisti sta per invadere le vie e le piazze di Passignano: sono gli allievi della Scuola di Musica del Trasimeno che domenica prossima 19 maggio, a partire dalle ore 16:00, saranno i protagonisti della Passeggiata Musicale 2019.

150 giovani musicisti, 8 location, per un pomeriggio di musica itinerante alla scoperta dei luoghi più suggestivi di Passignano, il piccolo borgo che quest’anno ospita la Passeggiata Musicale organizzata dalla Scuola di Musica del Trasimeno in collaborazione con l’amministrazione comunale.

In caso di maltempo, l’evento si svolgerà nella Chiesa dell’Oliveto.

Secondo il programma 2019, la Passeggiata Musicale partirà dalla Piazza del Pidocchietto, alle ore 16, con i 60 ragazzi dell’Orchestra Junior, per proseguire ai Giardini Annibale Mariotti, dove si esibirà l’Ensemble di Fiati, e Piazza Garibaldi, con il gruppo I Piccoli Archi, composto da bambini dai 5 ai 9 anni.

Nella chiesa del Cristo Morto suonerà l’Ensemble di Percussioni.

Il programma prosegue in Piazza Cristoforo Dini con l’Ensemble di Archi, nella Chiesa sulla salita per il Castello con l’Ensemble di Chitarre e in Piazza del Castello con gli Archi Junior.

La Passeggiata Musicale 2019 si concluderà al Castello con il concerto dell’Orchestra Giovanile del Trasimeno.

L’Orchestra Giovanile del Trasimeno, diretta dal Maestro Silvio Bruni, è una delle formazioni della Scuola di Musica del Trasimeno, fondata nel 1984, con una sede principale a Castiglione del Lago e una attività diffusa anche nei territori dei Comuni di Panicale, Passignano e Tuoro.

La Scuola ha il suo punto di forza nella pratica della musica di insieme. Sono attive infatti anche una Orchestra di piccoli archi formata da bambini di età compresa tra 5 e 8 anni, una Orchestra Junior formata da bambini di età compresa tra 8 a 12 anni, una Orchestra da Camera e una Orchestra Sinfonica formate da allievi di corso avanzato ed ex allievi diplomati, alcuni già con attività professionale. Vi sono inoltre diverse altre formazioni nate dall’esperienza trentennale della Scuola come gli Ensemble di percussioni, di legni, di ottoni e di archi.

La Scuola svolge anche stage di formazione orchestrale aperti a musicisti esterni.

Oggi la Scuola di Musica offre corsi individuali e di musica d’insieme a più di 200 allievi seguiti da un organico di 21 insegnanti, che coprono tutte le famiglie strumentali nonché le materie teorico-musicali.

Altre informazioni sull’attività della scuola di musica sono reperibili nel sito web della scuola:

<www.scuoladimusicadeltrasimeno.com>

SCUOLA DI MUSICA DEL TRASIMENO

 

Riguardo a Gianni Fanfano

5 commenti

  1. Sono molto contenta se si riuscisse a far passare due treni al giorno per la stazione di Chiusi ,io e so che sarebbe una ventata di opportunità anche per chi viaggia poco e una boccata d’ossigeno per l’economia per tutto il territorio ringrazio le persone che si stanno interessando per il problema ,invito Sidaci e. Chi. Ha. delle responsabilità di essere presenti e partecipare alla riuscita Anna Stefani

  2. luciano fiorani

    Assolutamente condivisibile quello che afferma il signor Orefice (che non conosco). “Di qua e di la dal fosso”, ovviamente, la situazione è identica.
    Quanto ai due treni alta velocità visti semplicisticamente come il toccasana della nostra emarginazione nei collegamenti ferroviari, fa un po’ ridere.
    Due treni veloci contro l’isolamento? E quali sarebbero le mete raggiungibili e in che orario?
    Insomma siamo, come al solito, alle suggestioni. I problemi accumulati sono ormai di tale portata che siamo ridotti ad affidarci ai detti della saggezza popolare, secondo cui, ogni meglio è meglio.
    Ma più in la non si va.

  3. Rodrigo

    La risalita del poggio fa ridere tutti ad esclusione dell’amministrazione stessa, un pulman elettrico sarebbe buona cosa, ma non soltanto per portare gente dal basso al centro, Batino dovrebbe fare uno studio anche delle frazioni e fare un pulmino che passi per esse in virtù alle esigenze, conosco persone che pagano 30 o 40 euro a colpo da Porto a Castiglione del lago perché devono fare una visita.

  4. Paolo Scattoni

    È una situazione del tutto paradossale. Invece di pensare un collegamento veloce da Perugia ad Arezzo e da Perugia a Chiusi nell’arco della giornata si spende una cifra incredibile. Parlo di collegamenti Perugia-Arezzo e Perugia-Chiusi perché da Arezzo e da Chiusi si potrebbero “agganciare” l’alta velocità. Un tempo si parlava di un collegamento Perugia Chiusi con un investimento minimo (la famosa proposta di Panettoni di alcuni anni fa) si sarebbe potuto avere un collegamento al di sotto dei 30 minuti.

  5. remo

    Non ci sono commenti per questa “cena”conviviale di personalita’ che dovrebbero andare a fare meno danni altrove ed invece ancora pontificano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Castiglione. “Eterni secondi” presentato a libri parlanti Appuntamento con Rosario Esposito La Rossa lunedì 27 alle ore 18

  (AKR) «L’area nord di Napoli da sempre è stata una delle principali piazze di ...